ICARO|25-27 Maggio|Sala Specchi

GIOVEDÌ 25 | VENERDÌ 26 | SABATO 27

SALA SPECCHI | 21.00 | durata 60’ | teatro

_DSC7106-2 copia copia(2017)
Prima assoluta

regia e drammaturgia Massimiliano Aceti

con Barbara Alesse, Daniele Biagini, Malvina Ruggiano

foto di scena Giorgia Ruggiano, organizzazione Alice Ferranti

una produzione Pandora Lab

SINOSSI
Lo spettacolo, basato su una storia vera, racconta la vicenda di una giovane, vittima di plagio da parte di un regista teatrale e di sua moglie. La ragazza vuole fare l’attrice, ma è costretta a vivere in una villa sperduta nella campagna laziale. Le sue ali saranno abbastanza forti per scappare dal labirinto costruito da Minosse e abitato dal mostruoso Minotauro?

NOTE DI REGIA
“Lo spettacolo cerca di indagare la componente psicologica di chi subisce maltrattamenti e plagi mentali. Perché diventa difficile separarsi da un rapporto, nonostante ci faccia star male? Quali dinamiche si innescano in una persona che decida di maltrattare qualcuno più debole?
Un altro pretesto d’indagine è offerto dal bisogno di avere un maestro, una guida, un leader, soprattutto tra i piú giovani. Non c’è un vero e proprio ricambio generazionale: i vecchi comandano e i giovani obbediscono, senza trovare la voce per rispondere al maestro, accettando ogni compromesso. Eterni giovani alla ricerca di un capo.” Massimiliano Aceti

LA COMPAGNIA
La compagnia di Icaro è guidata da Massimiliano Aceti, attore e regista, formatosi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico. Dopo quattro anni passati, sotto la direzione di Gabriele Lavia, decide di produrre e mettere in scena i suoi testi. Ad accompagnarlo in questo viaggio tre attori formidabili: Barbara Alesse, con cui ha lavorato come attore in diversi spettacoli (La rivoluzione delle sedie – regia di B. Alesse, La pulce nell’orecchio – regia di M. Chiesa), Daniele Biagini, collega storico della compagnia di G.Lavia, e Malvina Ruggiano, con cui ha recitato in molti spettacoli di Lavia e che ha diretto nello spettacolo Fumo.

DOVE
Teatro Studio Uno – via Carlo della Rocca, 6, Roma
Sala Specchi

QUANDO
Giovedì 25, venerdì 26 e sabato 27

Ore 21

BIGLIETTI
Biglietto unico a 10€

Per chi verrà a vedere lo spettacolo Orientheatre: giro di vite | Labirinto II (domenica 21 e domenica 28 maggio), presentando il biglietto di Tre Once di Lana Nera, riceverà un biglietto a 6€ per l’evento domenicale.

INFO E PRENOTAZIONI
Tel +39 392 9768519
Email labirintofestival@gmail.com
Fb Festival Labirinto

LASCIATE(VI) PERDERE!

Post recenti

O’ PRINCEPINO|25-27 Maggio|Sala Teatro

GIOVEDÌ 25 | VENERDÌ 26 | SABATO 27

SALA TEATRO | 21.00 | durata 70’ | teatro

Gruppo della Creta

o’ Princepino – primo studio (2017)
Prima assoluta

drammaturgia Aniello Nigro

regia Cristiano Demurtas

con Alessio Esposito, Amedeo Monda

musiche Enea Chisci, costumi Giulia Barcaroli, scene Bruna Sdao, aiuto regia Gabriele Merlini, organizzazione Sara Papini, progetto fotografico Selena Franceschi

si ringraziano:
Cesare D’Arco, Bruno Ricci, Stefania Minciullo, Marco Quaglia, Vittorio Stasi, MaTeMù, Accademia Popolare dell’Antimafia

SINOSSI
In molti pensano che il Piccolo Principe muoia alla fine del romanzo; altri pensano che abbia semplicemente lasciato il suo corpo terreno per tornare sulla propria stella. In pochi pensano invece che abbia continuato il suo viaggio, finendo vecchio e stanco in un ospizio sul pianeta della dimenticanza. Inizia così il viaggio a ritroso di questo vecchio principe. I pochi elementi rimasti della sua esistenza faranno scattare una serie di pensieri che porteranno il Piccolo Principe a ricordarsi di essere stato bambino.

NOTE DI REGIA
“Un vecchio che muore è una libreria che brucia, recita un vecchio detto africano. Saper leggere i libri che compongono la nostra “biblioteca personale” è la chiave di volta per poter raggiungere la condizione di essere umano pensante. Siamo tutti degli esseri da esplorare, il nostro corpo e ciò che vi è contenuto sono costantemente in trasformazione: chi siamo stati e cosa saremo sono componenti che accompagnano costantemente la nostra persona. Immersi però nelle convenzioni, nel sistema politico-sociale, riusciamo a distinguere noi stessi? Riusciamo a distinguerci dalla massa?” (Cristiano Demurtas)

DOVE
Teatro Studio Uno – via Carlo della Rocca, 6, Roma
Sala Specchi

QUANDO
Giovedì 25, venerdì 26 e sabato 27

Ore 21

BIGLIETTI
Biglietto unico a 10€

Per chi verrà a vedere lo spettacolo Orientheatre: giro di vite | Labirinto II (domenica 28 maggio), presentando il biglietto di O’ princepino, riceverà un biglietto a 6€ per l’evento domenicale.

INFO E PRENOTAZIONI
Tel +39 392 9768519
Email labirintofestival@gmail.com
Fb Festival Labirinto

LASCIATE(VI) PERDERE!

IL BELLO DEI BAMBINI E’ CHE UN GIORNO SARANNO ADULTI| 18-19-20 Maggio|Festival Labirinto

IL BELLO DEI BAMBINI E’ CHE UN GIORNO SARANNO ADULTI

 18-19-20 Maggio|Festival Labirinto

18575375_10211124661205672_930542814_o

GIOVEDÍ 18 | VENERDÌ 19 | SABATO 20

SALA TEATRO | 21.00 | durata 50’ | teatro

Cavalieri Mascherati

Il bello dei bambini è che un giorno saranno adulti (2017)

Studio liberamente tratto da tre opere di Rodrigo Garcia

(Prima assoluta)

adattamento: Alessandro De Feo

regia: Tiziano Caputo
con Matteo Cirillo, Alessandro De Feo, Giordana Morandini

si ringraziano
Alessandro Di Somma
Eleonora Turco

un ringraziamento particolare a Tiziano Scrocca che ha dato a molti di noi l’ opportunità di conoscere i testi di Garcia

SINOSSI
Un padre, una madre e un uomo/pagliaccio, separati nell’ intimità delle proprie cucine, riflettono sul futuro, su quello dei loro figli e di altri bambini. Si parla dell’educazione scolastica, dei mass-media, dell’influsso delle multinazionali e di un’educazione “trasversale” che questi personaggi hanno in mente per la loro prole.

NOTE DI REGIA
“L’allestimento punta all’ essenziale. Gli attori, letteralmente immersi nel pubblico, cercano di creare un rapporto di intimità con esso, rendendolo partecipe all’ azione. I personaggi non interagiscono tra loro, se non in senso ritmico e concettuale.” (Tiziano Caputo)

COMPAGNIA
Cavalieri Mascherati è un piccolo collettivo teatrale che nasce nel 2015, dopo l’incontro in accademia al teatro Quirino, tra Alessandro De Feo, Matteo Cirillo e Tiziano Caputo. La compagnia si concentra sullo studio delle opere di Bertolt Brecht, proponendo in scena Un uomo è un uomo (in collaborazione con compagnia Marabutti), Nella giungla delle città e La vera vita del Cavaliere Mascherato (quest’ ultimo semifinalista al Roma Fringe 2015 e candidato a premio per miglior regia e miglior attore, e finalista al Premio Corsini 2016). Tra le altre produzioni Il grande dittatore e Peter Pan Begins, per il bando residenze 2016 presso il teatro Studio Uno.

TEATRO STUDIO UNO

Via Carlo della Rocca 6

TICKET

Biglietto unico a 10€

Per chi ritornerà a vedere un secondo spettacolo avrà diritto ad un ridotto a 6€

INFO E PRENOTAZIONI

18, 19, 20 maggio ore 21.00
Sala Specchi (Teatro Studio Uno)
PRENOTAZIONI bit.do/prenotastudiouno
+39 392 9768519

labirintofestival@gmail.com
gruppodellacreta@gmail.com

LASCIATE(VI) PERDERE!

TRE ONCE DI LANA NERA| 18-19-20 Maggio|Festival Labirinto

TRE ONCE DI LANA NERA

| 18-19-20 Maggio|Festival Labirinto

tre once

Scritto da Emanuele Principi, Regia Giacomo Troianiello, Con Maria Chiara Tofone,Emanuele Cordeschi Bordera,Lorenzo Carità Morelli,

Sound Design&Light Design Giacomo Troianiello, Assistenza Emanuele Cordeschi Bordera, Assistenza Luci Lorenzo Carità Morelli, Aiuto Grafico Lucia Mariani,Foto e Video Pietro Ciavattini.

Con il sostegno di Associazione Demetra. Si ringrazia Stefano Romagnoli, Emiliano Austeri, Giacomo Agnifili, Flavio Cipriani, Federico Molini, ArtFall, Comune di Calvi Dell’Umbria, Amedeo Carlo Capitanelli.

Una donna riceve una lettera in cui le viene comunicato che il suo lavoro all’osservatorio è finito, dove da anni vive e lavora con sempre meno frequenti contatti con il mondo, dove passa le sue notti “con il naso all’insù”. La seguiamo nel riordino delle sue cose, nell’attesa di chi verrà a sostituirla. Ed è anche l’occasione di rendicontare non solo il lavoro fatto attraverso cifre e numeri ma di guardare a cosa è passato e scivolato via, irreparabilmente, irrimediabilmente. Questo spettacolo è uno studio sul concetto della solitudine. Partendo da una storia possibile ci siamo chiesti quanta distanza possa prodursi nel tempo tra due corpi, tra un corpo e la società, tra la società e le sue stelle. Quanta distanza abbiamo costruito e quanta poi subito? E’ la possibile storia di una scienziata che lavora in un osservatorio. E’ possibile finanche la negazione di quello che si è, quando si è rimasti soli.
“C’è molta bellezza lassù, vuoi chiedermi se ce n’è a sufficienza per tollerare quella solitudine?”
Ritrovarsi soli è possibile, un esito possibile. Accade spesso e sembra non tener conto di genere o età. Attraversiamo il tempo. Usiamo e siamo usati, scartati, buttati via quando ritenuti non più necessari, perché così ci è stato insegnato. E’ quest’idea che siamo pronti a difendere e a nostra volta avverare e tramandare. Attraversiamo il tempo ma non lo capiamo fino in fondo. Lo crediamo reversibile: crediamo nelle seconde scelte, nei gesti riparatori, fuggiamo le conseguenze, le responsabilità, temiamo l’irreversibile, non ammettiamo l’irreparabile.

Ingresso € 10 [tessera associativa gratuita]

Teatro Studio Uno | via Carlo Della Rocca, 6

INFO 349 4356219 – 329 8027943 | info.teatrostudiouno@gmail.com
PRENOTAZIONI bit.do/prenotastudiouno

FESTIVAL LABIRINTO | 15-28 Maggio

festival labirinto

Festival delle arti Labirinto II – dal 15 al 28 maggio – Teatro Studio Uno di Torpignattara, Roma

PROGRAMMA

Lunedì 15 maggio 2017

• Ore 19 inaugurazione festival con Sten & the Groovemates Duo (chitarra: Stefano Gasperi, basso: Andrea Sabatino) ed installazione di video arte Brave New World a cura di Nicolas Vamvouklis in collaborazione con K-Gold Temporary Gallery presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

Giovedì 18 e venerdì 19 maggio 2017

• Ore 19 installazione di video arte Brave New World a cura di Nicolas Vamvouklis in collaborazione con K-Gold Temporary Gallery presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

• Ore 21 spettacolo Il bello dei bambini è che un giorno saranno adulti – regia di Tiziano Caputo (Sala Teatro)

• Ore 21 spettacolo Tre once di lana nera – regia di Giacomo Troianiello (Sala Specchi)

Sabato 20 maggio 2017

• Ore 19 aperitivo musicale con Thegoodfellas Duo (voce e chitarra: Claudio Cirillo, percussioni e tromba: Domenico Rizzuto) ed installazione di video arte Brave New World a cura di Nicolas Vamvouklis in collaborazione con K-Gold Temporary Gallery presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

• Ore 21 spettacolo Il bello dei bambini è che un giorno saranno adulti – regia di Tiziano Caputo (Sala Teatro)

• Ore 21 spettacolo Tre once di lana nera – regia di Giacomo Troianiello (Sala Specchi)

• Ore 23 concerto di Thegoodfellas Duo (voce e chitarra: Claudio Cirillo, percussioni e tromba: Domenico Rizzuto) (Cortile)

Domenica 21 maggio 2017

• Ore 17 performance urbana Orientheatre: giro di vite – regia di Alessandro Di Murro, con punto di ritrovo iniziale presso il Teatro Studio Uno

• Ore 17 installazione di video arte Brave New World a cura di Nicolas Vamvouklis in collaborazione con K-Gold Temporary Gallery presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

Lunedì 22, martedì 23 e mercoledì 24 maggio 2017

• Ore 11 – 16 workshop di drammaturgia condotto da Giampiero Rappa presso il Teatro Studio Uno

Giovedì 25 maggio 2017

• Ore 11 – 16 workshop di drammaturgia condotto da Giampiero Rappa presso il Teatro Studio Uno

• Ore 19 installazione di video-arte Brave New World a cura di Nicolas Vamvouklis in collaborazione con K-Gold Temporary Gallery presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

• Ore 20 lettura scenica di Achemenide – È Soltanto Un Poema Epico Minore a cura del Gruppo della Creta presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

• Ore 21 spettacolo ’o Princepino – regia di Cristiano Demurtas [Gruppo della Creta] (Sala Teatro)

• Ore 21 spettacolo Icaro – regia di Massimiliano Aceti (Sala Specchi)

Venerdì 26 maggio 2017

• Ore 19 installazione di video arte Brave New World a cura di Nicolas Vamvouklis in collaborazione con K-Gold Temporary Gallery presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

• Ore 20 lettura scenica di Achemenide – È Soltanto Un Poema Epico Minore a cura del Gruppo della Creta presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

• Ore 21 spettacolo ’o Princepino – regia di Cristiano Demurtas [Gruppo della Creta] (Sala Teatro)

• Ore 21 spettacolo Icaro – regia di Massimiliano Aceti (Sala Specchi)

Sabato 27 maggio 2017

• Ore 19 aperitivo musicale con Trieste meolo roncade (chitarra: Amedeo Monda, batteria: Marco Ronconi) ed installazione di video arte Brave New World a cura di Nicolas Vamvouklis in collaborazione con K-Gold Temporary Gallery presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

• Ore 21 spettacolo ’o Princepino – regia di Cristiano Demurtas [Gruppo della Creta](Sala Teatro)

• Ore 21 spettacolo Icaro – regia di Massimiliano Aceti (Sala Specchi)

• Ore 23 concerto di Trieste meolo roncade (chitarra: Amedeo Monda, batteria: Marco Ronconi) (Cortile)

Domenica 28 maggio 2017

• Ore 17 performance urbana Orientheatre: giro di vite – regia di Alessandro Di Murro, con punto di ritrovo iniziale presso il Teatro Studio Uno

• Ore 17 installazione di video arte Brave New World a cura di Nicolas Vamvouklis in collaborazione con K-Gold Temporary Gallery presso il Teatro Studio Uno (Cortile)

FALLISCI FACILE|11-14 Maggio|Sala Specchi

FALLISCI FACILE

|11-14 Maggio|Sala Specchi

di Alessia Giovanna Matrisciano|con Chiara De Concilio, Giacomo De Rose, Valentina Fornaro|regia Alessia Giovanna Matrisciano

18052149_1542683745743091_1435916100_o (1) (1)

FALLISCI FACILE
|11-14 Maggio| Sala Teatro

Un uomo e una donna. E un’altra donna. Non si toccano, non si ascoltano, non si piacciono. C’è una ragazza nicotinomane che vorebbe trasformarsi in una dea del fitness; c’è un ragazzo cicciottello con una dipendenza dagli zuccheri trasformati e dal potere sulle donne; c’è una mina vagante con il pancione che non sa se vuole più esser mamma o mandare a quel paese la propria, di mamma. Potete immaginare una forma d’amore tra questi soggetti? Sono perennemente estraniati, con il naso dentro le riviste, con le mani nel pacco dei biscotti, con l’immagine di loro stessi nello specchio.

Vi riconoscete? Non preoccupatevi. Per loro e per voi abbiamo creato Fallisci Facile. Fallisci Facile è il nostro programma, semplice, veloce, in un atto unico, dal risultato garantito, per imparare a liberarsi dalle proprie dipendenze e avere un’interessante vita relazionale.

Il tabacco e il cibo spazzatura non sono solo abitudini, non sono solo droghe. Fanno partedell’essere-nel-mondo di chi ne dipende. Cibo=vita, tabacco=vita, equazioni che resistono alle più martellanti campagne per la salute. Sappiamo che gesto malvagio è togliere le sigarette a un fumatore, il quale probabilmente piagnucolerà, protesterà, andrà in crisi di nervi. Sappiamo che trenta minuti dopo l’ultimo frollino alla panna lo stomaco del divoratore seriale inizia a languire, la lingua a salivare, e gli occhi e il naso a protestare contro l’apparizione indesiderata delle verdure crude.

Pensiamo che essere-nel-mondo come si dovrebbe è un lavoraccio dall’esito fallimentare, una di quelle cose che non leggono sulle riviste, che non si imparano dalla mamma e di cui non ci si sbarazza facendo figli. La ragazza nicotinomane non riesce essere sana; il ragazzo cicciottello non riesce a essere virile; la donna con il pancione non riesce a essere mamma. Nei loro occhi non c’è lo spazio per incontrare quelli degli altri: ci sono solo oggetti inanimati, simboli in cui proiettarsi, sfogarsi, trincerarsi e con cui muovere guerra alle persone vive.

FALLISCI FACILE| 11-14 Maggio 2017 | Sala Teatro

dal giovedì al sabato h 21:00 | domenica h 18:00
Ingresso € 10 [tessera associativa gratuita]

Teatro Studio Uno | via Carlo Della Rocca, 6

INFO 349 4356219 – 329 8027943 | info.teatrostudiouno@gmail.com
PRENOTAZIONI bit.do/prenotastudiouno

QUESTA E’ CASA MIA |11-14 Maggio |Sala Specchi

QUESTA E’ CASA MIA

|11-14 Maggio |Sala Specchi

di e con Alessandro Blasioli

Locandina Questa è casa mia.

“Non basta fare il bene, bisogna anche farlo bene”, diceva Diderot.

Questa è casa mia” racconta in maniera irriverente, mediante la tecnica del Teatro di narrazione, la sventurata storia vissuta da una famiglia aquilana – i Solfanelli – in seguito al terremoto abruzzese del 6 Aprile 2009: la famiglia è “costretta in vacanza” presso uno dei lussuosi hotel della costa abruzzese, grazie alla convenzione che la Protezione Civile ha stipulato per l’occasione; la situazione, però, degenera velocemente, finché Rocco, il capofamiglia, non prende che l’unica decisione possibile: ritornare a casa.

Attraverso una storia nuova, non raccontata dai Media e quindi sconosciuta ai più, lo spettacolo avvicina il pubblico alla realtà aquilana, che porta ancor oggi i segni dell’inefficienza della macchina statale, dell’interessamento attivo della criminalità organizzata e di quello passivo dei Mass Media.

QUESTA E’ CASA MIA |11-14 Maggio|Sala Specchi
dal giovedì al sabato h 21:00 | domenica h 18:00
Ingresso € 10 [tessera associativa gratuita]

Teatro Studio Uno | via Carlo Della Rocca, 6
INFO 349 4356219 – 329 8027943 | info.teatrostudiouno@gmail.com
PRENOTAZIONI bit.do/prenotastudiouno