ALLENARSI A LEVARSI|19-22 Aprile|Sala Specchi

ALLENARSI A LEVARSI|19-22 Aprile|Sala Specchi

di Giuseppe Mortelliti

allenarsi a levarsi

19-22 Aprile (Sala Specchi)

Allenarsi a levarsi

Di e con Giuseppe Mortelliti

Quali sono le cose, le idee, le anime a cui siamo più legati?
La nostra storia parla di un allievo e di un Maestro. L’insoddisfazione porterà il Novizio a chiedere consiglio al proprio Mentore: come fare per raggiungere la leggerezza? Il Maestro suggerirà al giovane un percorso per abbandonare ogni fonte di sofferenza. Inizierà così un viaggio attraverso paesi diversi, e ad ogni tappa incontrerà altri Maestri che lo metteranno di fronte alle proprie paure, invitandolo a distaccarsi dai punti saldi della propria esistenza. Ad ogni tappa il protagonista abbandonerà qualcosa di vitale, attraverso un percorso per raggiungere una verità che possa essere slegata da affetti, passioni, doveri, fedi, esistenze, corpi. Cosa c’è oltre?

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).
Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov Ven Sab h 21.00 / Dom h 18.00

PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1
Per info: 3494356219- 3298027943
www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com

Annunci

AUGENBLICK- L’istante del possibile |4-15 Aprile| Site specific

augenblick

Un’esperienza immersiva di Project XX1
in collaborazione con Teatro Studio Uno – Associazione Culturale Controchiave

“La sensazione è inenarrabile” – traiettorie.org
“Si può cogliere ogni dettaglio” – persinsala.it
“Un passo in avanti di portata addirittura rivoluzionaria” – periodicoitalianomagazine.it
“Basta un istante per cedere al fascino del mistero” – huffingtonpost.it

Augenblick – L’istante del possibile
4 – 15 Aprile 2018
Mer-Ven: ore 20:30*
Sab 7, Dom 8, Sab 14: ore 17:00 e ore 20:30*
Dom 15: ore 17:00
* l’ingresso alla performance sarà scaglionato – Entrata Premium: 20 minuti prima dell’inizio dell’esperienza.

Pierre Sogol è disperso da mesi. Ma Lisa continua a percepirne la presenza, a sentirne il respiro. Il prof. Peeters vuole sfruttare la situazione a suo vantaggio e Marie intuisce che prima di passare all’azione bisognerebbe aspettare. Julie si smarrisce nella grande casa cercando qualcosa in più sulla strada del passato, mentre il maggiordomo Jakob vorrebbe finalmente riuscire a perdersi nella sua libertà. Per René l’unica via è verso l’alto.

#Augenblick è un varco nel tempo. Un tempo passato, un tempo di guerra. Il tempo del desiderio, che torce la linearità degli eventi. Effetti e cause si specchiano e si riconoscono solo nel presente. Un tempo partecipato, perché chi saprà vivere l’istante incontrerà le nostre storie, siederà tra noi, calcherà i nostri passi, tentando l’ascesa al monte analogo, la scalata che conduce a noi stessi.
Un’esperienza immersiva che oltrepassa i tradizionali confini del teatro.

Per chi desidera esplorare l’istante come ospite speciale, l’esperienza#Premium darà diritto all’ospitalità di Sophie. Un’occasione unica e limitata di accedere ad uno sguardo unico per esplorare ogni aspetto dell’istante. I biglietti Premium sono limitati ad un numero di 5 per performance. Si consiglia l’acquisto con almeno un giorno di anticipo.

🕚 L’esperienza ha una durata di circa 2:50 h. Si consiglia di indossare scarpe comode.

🎫 Ingresso 16€ – Ingresso Premium 25€.
I biglietti sono disponibili online e all’entrata del teatro.
Dal momento che non è prevista prenotazione, per assicurarsi l’entrata si consiglia di acquistare i biglietti online all’indirizzo: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-augenblick-44196711554

🔔 OFFERTA SPECIALE: Nelle serate di #mercoledì e #giovedì, con l’acquisto di 3 biglietti nella stessa transazione, il quarto sarà omaggio! L’offerta esclude i biglietti Premium. Il quarto biglietto omaggio verrà consegnato all’entrata del teatro a tutti coloro che presenteranno una transazione da 3 biglietti.

📍 Residenza Sogol – Via Francesco Baracca, 52 00177 Roma (Casilina).
ATTENZIONE – Per questo evento, in via eccezionale, la normale entrata di Teatro Studio Uno in Via Carlo della Rocca rimarrà CHIUSA.

www.pierresogolfoundation.org
———————————————————————————
ENGLISH VERSION

An immersive experience by Project XX1
in collaboration with Teatro Studio Uno – Controchiave

“The experience is impossible to describe” – traiettorie.org
“Every detail is notable” – persinsala.it
“A revolutionary step forward” – periodicoitalianomagazine.it
“It takes an instant to fall for the mystery” – huffingtonpost.it

Augenblick – L’istante del possibile
April 4-15, 2018
Wed-Fri: h 8:30 pm *
Sab 7, Dom 8, Sab 14: h 5 pm and 8:30 pm *
Dom 15: h 5 pm*
*Audience entrance will be staggered – Premium entrance: 20 minutes before the regular entrance.

Pierre Sogol has been missing for months. Lisa, however, continues to perceive his presence, to feel his breath. This gives prof. Peeters the idea of exploiting the situation to his advantage but Marie senses that it would be better to wait before jumping into action. Julie is getting lost in the big house, looking further in the past, while Jakob the butler would like to finally lose himself in the freedom he dreams of. For René, the only way is up.

#Augenblick is a door through time. A time of the past, a time of war. The time of desire, which twists the linearity of events. Effects and causes mirror each other and are recognizable only in the present. A time of participation, because only those who can live the moment will be able to take part in our stories, to sit among us, to follow our steps, attempting the ascent of Mount Analogue, the climb leading to ourselves.
An immersive experience that breaks through traditional theatre boundaries.

🕚 The experience lasts approx. 3 hrs. We suggest wearing comfortable shoes.

🎫 Entrance 16€. Premium entrance 25€ [to fully enjoy the Premium experience a good level of understanding of spoken Italian is highly reccommended]. Tickets are available online and will be available at the theatre before performances.

As it is not possible to reserve tickets, in order to be sure of participating, buy tickets online at the URL: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-augenblick-44196711554

🔔 SPECIAL OFFER For performances on Wednesdays and Thursdays, buying 3 tickets in the same transaction will include a fourth free ticket! Not applicable to Premium tickets. The fourth ticket will be given at the theatre entrance to whoever presents a transaction for 3 tickets.

📍 Sogol Mansion – Via Francesco Baracca, 52 00177 Rome (Casilina).
ATTENTION – For this event, the regular Teatro Studio Uno entrance in Via Carlo della Rocca will stay CLOSED.

www.pierresogolfoundation.org

TERESA SANTA, PUTTANA E SPOSA Cap.4|La notte in cui Teresa dormì con la morte|22-25 Marzo|Sala Teatro

Teatro Studio Uno

presenta

Teresa santa, puttana e sposa_ cap IV_22-25 marzo_Teatro-Studio-Uno_loc

TERESA SANTA PUTTANA E SPOSA
Capitolo 4
La notte in cui Teresa dormì con la morte

di Marco Bilanzone
regia Lorenzo Montanini

Con Nadia Rahman-Caretto, Alessandro Di Somma, Giuseppe Mortelliti,

Riccardo Marotta, Eleonora Turco

Grafica Leonardo Buttaroni

produzione Teatro Studio Uno

 

Dal 22 al 25 marzo 2018

Teatro Studio uno via Carlo della Rocca, 6  Roma

 

 

“Tómate esta botella conmigo
En el último trago nos vemos
Quiero ver a que sabe tu olvido,
Sin poner en mis ojos tus manos
Esta noche no voy a rogarte
Esta noche te vas de de veras
Que difícil tener que dejarete
Sin que sienta que ya no me quieta”
José Alfredo Jiménez

 

 

 

Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 22 al 25 marzo la nuova puntata della saga teatrale Teresa santa, puttana e sposa” spettacolo scritto da Marco Bilanzone, diretto da Lorenzo Montanini, con in scena Nadia Rahman-Caretto, Alessandro Di Somma, Giuseppe Mortelliti, Riccardo MarottaEleonora Turco, protagonisti del quarto capitolo della serie: “La notte in cui Teresa dormì con la morte”.
Salvata dal carcere, dalle violenze e dal postribolo da un uomo potente, Teresa vive gli anni più felici della propria vita accanto al suo benefattore, il dottor Emiliano Ghedin, diventandone l’amante. Di molti anni più grande di lei, il ricco industriale trasforma Teresa da schiava in una donna libera, consapevole e colta. La forza indomita che l’aveva mantenuta in vita da ragazzina si trasforma nella consapevolezza della maturità, seppur ancora in giovanissima età.

 

In questo capitolo la narrazione sposta completamente il suo punto di vista, invitando il pubblico ad entrare dentro la casa dei due amanti, a condividerne l’intimità e a seguirne la storia d’amore. Storia di un uomo maturo con una donna acerba e giovanissima di cui subito si riconoscono le qualità, l’ardore, la scintilla e la forza del suo straordinario ed affascinate animo positivo.

L’arcigno industriale si scioglie nella tenerezza, alla scoperta di un amore nuovo, fantasticando una vita insieme, senza compromessi, senza segreti, liberi di amarsi nonostante le chiacchiere della gente.

Ma il destino beffardo per Teresa è sempre dietro l’angolo e questa parentesi di gioia e serenità non può che durare pochi anni, riportando la nostra eroina sul baratro del fallimento.
“La notte in cui Teresa dormì con la morte” è un viaggio – quasi esclusivamente al maschile – attraverso la borghesia italiana; Teresa si ritrova così circondata di dottori, professori, avvocati, prelati e industriali. Sempre al limite tra l’impegno civile, la partecipazione attiva nella società e l’esercizio del potere economico e politico, gli uomini protagonisti della storia non sono mai eroi completamente positivi; seppur senza paragone con i personaggi gretti e meschini dei capitoli precedenti,  anche il dottor Ghedin, l’avvocato Quarracello, il giudice Bianco o il dottor Catillo mantengono sempre un lato in ombra e al cittadino, all’intellettuale, al lavoratore si accompagna il potente che esercita senza scrupoli il proprio potere.

 

Ma, come dice Teresa stessa: “L’amore è come un manto di velluto che copre le imperfezioni dell’umanità”.

 

 

Teresa Santa, Puttana e Sposa Cap.IV ” 22-25 Marzo 2018 (Sala Teatro)

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00


PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1

Per info: 3494356219- 3298027943

www.teatrostudiouno.com  – info.teatrostudiouno@gmail.com

UN CAPITANO|15-18 Marzo|Sala Specchi

Teatro Studio Uno 15-18 Marzo

Un Capitano
Duecento mila chili sulle spalle

di Giulia Lombezzi e Amr Abuorezk
con Ivano Russo
regia Eleonor Gusmano

musiche originali Alessandro Romano
photo di scena Aksinja Pollock Bellone

28693616_10156210360759166_113526491_o

Nell’estate del 2006, durante i mondiali di calcio, Amr A., 21 anni, decide di tentare la traversata per mare dalla Libia all’Italia. Amr è un pescatore, conosce il mare fin da quando era bambino. In Egitto guadagna assai poco e potrebbe solo pescare per tutta la vita, ma il suo spirito curioso e brillante e la sua voglia di scoprire il mondo lo spingono inesorabilmente a cogliere ogni richiamo all’avventura, a cercare uno strappo nella rete della quotidianità, a tentare di andarsene come i suoi fratelli, per capire cos’altro può diventare fuori dal contesto abituale.

Il viaggio inizia. Immediatamente Amr si rende conto che gli scafisti non sono adeguati a guidare la barca. Gli incidenti si sommano, la tensione cresce e il tempo scorre via senza pietà.
Amr capisce che deve fare una scelta: non farsi avanti e lasciarsi andare come gli altri nelle mani di tre incapaci, o mettersi lui stesso alla guida della barca. Lui, che è sempre stato quello che gli ordini li
prendeva. Lui, che è sempre stato molto portato per il mare. Lui, che è sempre stato secondo e mai capitano.
Così respira, e sceglie di prendersi la responsabilità di 144 uomini, che da massa di sconosciuti diventano
la sua ciurma.
Ma non sa che questa scelta se la porterà addosso ben oltre il mare, fino all’arrivo sulla terraferma, dove un’improbabile coincidenza calcistica lo porterà a dover scegliere ancora una volta tra l’attesa e l’azione.

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).
Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov Ven Sab h 21.00 / Dom h 18.00

PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1
Per info: 3494356219- 3298027943
www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com

QUASAR|15-18 Marzo|Sala Teatro

15-18 Marzo (Sala Teatro)

Controtempo Theatre
presenta

QUASAR

Di: Paolo Almaviva
Regia: Lilith Petillo
Aiuto regia: Venanzio Amoroso

Con: Danilo Franti

received_10213877032352965 (1)


“Quasar” è’ un viaggio attraverso mille luoghi racchiusi in un unico invisibile spazio. E’ corsa e immobilità, tempesta e cielo stellato. Tra le ferite, la rabbia e i pianti si ergeva un muro tra cervello e cuore, un muro invisibile ma molto solido, ci si abitua ad averlo e si continua a sopravvivere.

Forse la vita, ogni tanto, ti da una possibilità, una sola, per guardarti dentro e vederti per come sei, e a quel punto? Che farai?

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).
Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov Ven Sab h 21.00 / Dom h 18.00

PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1
Per info: 3494356219- 3298027943
www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com

IN QUALUNQUE POSTO MI TROVI|8-11 Marzo|Sala Specchi

IN QUALUNQUE POSTO MI TROVI
inqualunque logo

Di Noemi Radice e Eleonora Cicconi

 

Regia Noemi Radice

Con Eleonora Cicconi

 

Dall’8 all’11 marzo 2018

Teatro Studio uno via Carlo della Rocca, 6  Roma

 

Al Teatro Studio Uno in scena dall’ 8 all’11 marzoIn qualunque posto mi trovi” spettacolo originale scritto da Noemi Radice ed Eleonora Cicconi, quest’ultima anche attrice e protagonista di un monologo sul potere e sull’influenza dei social media nell’educazione e la crescita di una giovane adolescente nel mondo di oggi.

In scena il racconto di Gaia, una quindicenne alla ricerca della propria identità e delle proprie passioni, che passa i suoi pomeriggi rinchiusa nella sua cameretta, rifugiandosi nel mondo di youtube. Il periodo dell’adolescenza è un momento delicato per una giovane ragazza, un momento di cambiamento importante dove si vive il passaggio dalla fanciullezza all’età adulta, in cui è facile sentire il senso di inadeguatezza, unito alla voglia di cambiare e di crescere.

Gaia non si riconosce più. Vuole essere un’altra, vuole essere come la sua youtuber preferita.

In qualunque posto mi trovi_8-11marzo_Teatro-Studio-Uno.foto2

“Il nostro spettacolo – raccontano le autrici –  nasce dalla lettura di un racconto di Frank Wedekind: “Mine-Haha, ovvero Dell’educazione fisica delle fanciulle”, in cui centinaia di ragazzine, in un parco, vengono educate da altre donne secondo i soli canoni estetici e fisici, crescendo inconsapevoli dell’esistenza di un mondo esterno.

Con “In qualunque posto mi trovi” ci siamo interrogate su che cosa possa essere oggi questa “educazione fisica delle fanciulle”, in una società in cui l’estetica è vissuta come un valore imprescindibile e in cui le adolescenti sono bombardate da immagini e modelli a cui ispirarsi.

Abbiamo trovato in Youtube il nostro “parco” contemporaneo, in cui centinaia di ragazzine condividono con migliaia di coetanee le proprie esperienze e i propri suggerimenti di vita. Youtube nei loro video è uno spazio che porta la sfera privata nella sfera pubblica; è uno spazio accessibile a chiunque, in cui vengono spesso mostrati con leggerezza elementi intimi e privati”.

In qualunque posto mi trovi_8-11marzo_Teatro-Studio-Uno.foto

Il meccanismo che scaturisce dall’uso dilagante dei social è complicato e perverso, fatto di contenuti filtrati, rivisitati ed abbelliti. Tutti o quasi, cercano di raggiungere la perfezione, dando un’immagine falsata e migliore di se, delle proprie abitudini, della propria esistenza, nascondendo invece insicurezza, solitudine e fragilità.

 

“In qualunque posto mi trovi” mette in luce questa fragilità, soprattutto adolescenziale, nel confronto quotidiano con modelli a cui assomigliare, stereotipi femminili, con cui Gaia lotta e si identifica, alla ricerca di se stessa e della propria personalità, in un periodo di formazione e di grandi incertezze come può essere quello dell’adolescenza, lasciando aperta una riflessione universale sul rapporto sempre più morboso e perverso tra il mondo dei social media e la nostra intimità.

In qualunque posto mi trovi” 8-11 Marzo 2018

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00


PRENOTAZIONI
 http://j.mp/prenotaTS1

Per info: 3494356219- 3298027943

www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com

IL LUPO E I 7 CAPRETTI| Teatro Ragazzi | Domenica 4 marzo ore 17

Brum Brum Grim’s
presenta

IL LUPO E I 7 CAPRETTI

locandina sette capretti studio uno
Teatro Ragazzi | Domenica 4 marzo ore 17|
Teatro Studio Uno
In una casetta ai margini del bosco vivono Mamma Capra e i suoi Sette Capretti.
Poco lontano, ai margini dei margini del bosco, si aggirano due figure sospette : un furbo, perfido e affamato lupo e sua zia Beatrice.
Il lupo, che guarda caso oggi ha proprio fame di capretti, si libera di sua zia Beatrice e soprattutto di Mamma capra, inganna i capretti (con l’aiuto involontario di un mugnaio), entra in casa e se li mangia tutti.

Tutti tranne uno. Il più piccolo. L’unico che è riuscito a nascondersi.
Sarà in grado di salvare i suoi fratelli? Che fine hanno fatto Mamma Capra e zia Beatrice?
Non possiamo svelare tutto, ma possiamo dare un consiglio: meglio non comprare una casa ai margini del bosco. E nemmeno ai margini dei margini.

I 7 CAPRETTI
Liberamente ispirato all’omonima favola dei fratelli Grimm.
Età consigliata: da due anni in sù.
tecnica: marionette da tavolo, burattini, pupazzi e attori.
Durata: 50 minuti

Teatro Studio Uno – Via Carlo della Rocca, 6
Domenica 4 marzo ore 17.00

ingresso 6€

PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1
Per info: 3494356219- 3298027943
www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com

IL PECCATO|1-4 Marzo|Sala Teatro

Anonima Sette e Teatro Studio Uno

presentano

 

Il Peccato
di Giacomo Sette

 con Sarah NicolucciBeatrice Fonti

musiche di Luca Theos Boari Ortolani
regia di Giacomo Sette 

ph. Giulia Castellano
comunicazione Chiara Preziosa 

Produzione Teatro Studio Uno

Dal 1- 4 marzo 2018

Teatro Studio uno via Carlo della Rocca, 6  Roma

Il Peccato_1-4 marzo_Teatro-Studio-Uno.loc

Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 1 al 4 marzoIl Peccato”, scritto e diretto da Giacomo Sette con Sarah Nicolucci e Beatrice Fonti, spettacolo inedito liberamente ispirato al documentarioJesus Camp” diretto da Rachel Grady e Heidi Ewing ed ambientato negli U.S.A. in un Centro Estivo di formazione per bambini e ragazzi evangelici.

In scena una predicatrice. Donna a metà fra “uomo d’affari” ed angelica figura bianco-vestita, il Pastore affronta la sua lotta, contro un mondo dominato da ateismo, islamismo e pornografia, da pronta addestratrice di bambini: le loro menti sono infatti il campo di battaglia più fertile a cui la nostra attrice-sacerdotessa possa aspirare -e costituiscono la materia prima ideale perché i futuri, aspiranti predicatori annidati in platea imparino ad esercitare la loro missione con sempre più orrida efficacia.

Guerrafondai, ultracapitalisti e protezionisti insieme, gli evangelici sono uno dei pilastri della vittoria di Trump negli U.S.A. Sono trasversali, l’ala destra del metodismo americano. Antiabortisti, creazionisti, sessisti e in parte xenofobi, da decenni seducono e plasmano una grande fetta della popolazione americana e una porzione non indifferente di investitori, politici e “lupi di Wall Street”.

Ci riescono con un messaggio cristiano tra i più aggressivi mai generati – l’oltranzismo nazionalista- e, soprattutto, con una raffinatissima tecnica di predicazione: tecnica di una teatralità spaventosamente efficace e padroneggiata con destrezza dal Pastore protagonista dello spettacolo, imbonitore, Mangiafuoco, profeta dell’apocalisse, comico squallido e solitario.

 

Con “Il Peccato” Giacomo Sette isola un frammento del documentario “Jesus Camp” adattandolo alla nostra sensibilità teatrale, ricreando la stessa suggestione delle messe evangeliche in un contesto teatrale laico. Attraverso un percorso ironico, tragicomico e grottesco, lo spettacolo cerca di creare una distanza obiettiva nel pubblico fusa ad una partecipazione profonda ed emotiva, così da dimostrare che l’oscurantismo rappresenta una minaccia, sempre, in qualsiasi luogo, in qualsiasi epoca e in qualsiasi contesto.

Il Peccato” 1-4 Marzo 2018

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00


PRENOTAZIONI
 http://j.mp/prenotaTS1

Per info: 3494356219- 3298027943

www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com

Teatro ragazzi|IL GIOCO DEI MITI | Sabato 24 Febbraio ore 17

IL GIOCO DEI MITI | Sabato 24 Febbraio ore 17

 

ilgiocodeimiti

 

di e con
Alessandra Chieli
Francesco Petti
tratto da
“Miti romani” raccontati da Carola Susani
con illustrazioni di Rita Petruccioli
edizioni © 2013 laNuovafrontiera
progetto realizzato con il sostegno
del Rialto Sant’ Ambrogio

Immagine

Gli antichi romani sono un po’ i nostri nonni. E come tutti i nonni, amano raccontare favole ai loro nipotini. O raccontare di se stessi, di quando erano bambini, e poi giovani, di quanto erano belli quei tempi. Magari ricamandoci un po’ su. Tutti noi ci siamo cresciuti, con quelle favole, con le leggende della Roma antica. E, anche se le abbiamo accantonate in un angolo della nostra memoria, a volte può bastare l’eco di un nome perché tutto quel mondo ci torni alla mente.

La civiltà romana sono le nostre radici. Ritornare a quei racconti è capire da dove veniamo, è tenere viva la memoria, l’identità, la cultura. Non è vecchiume, siamo noi. E questi miti ci si presentano davvero come favole, e come tali, con un linguaggio moderno ma non traditore, ce li presenta Carola Susani. La nostra trasposizione teatrale si avvale proprio di questo linguaggio semplice, immediato e tuttavia penetrante.

Si racconta, in questo spettacolo. Si racconta un po’ come si faceva un tempo, tutti in cerchio intorno al cantastorie. Ed ecco allora intrecciarsi le incredibili storie di Giano, di Romolo e Remo, di Muzio Scevola e delle Sabine. E si gioca, oltre che con le parole, anche con gli altri linguaggi che il teatro mette a disposizione per ri-creare, per stimolare la fantasia del bambino.

La messa in scena si avvale, oltre che di canti, suoni e rumori dal vivo, anche dell’apporto visuale dell’illustratrice Rita Petruccioli.

Lo spettacolo mescola Storia e leggenda, narrazione e divertimento, per trasmettere, con leggerezza, un patrimonio culturale e mitologico importante.

INGRESSO 6€ – PRENOTAZIONE CONSIGLIATA

Teatro Studio Uno Via Carlo Della Rocca, 6 (TORPIGNATTARA)

INFO: 349 4356219 – 329 8027943 . info.teatrostudiouno@gmail.com

PARTO |22-25 Febbraio|Sala Specchi

PARTO – Monologo di sola andata verso la maternità
22-25 Febbraio Teatro Studio Uno

gaudenzi_parto_locandina-web (1)
di e con Eva Gaudenzi

Anteprima assoluta al Teatro Studio Uno per PARTO –
Monologo di sola andata verso la maternità, scritto, diretto e interpretato da Eva Gaudenzi.

Tra i vincitori della rassegna “Pillole #tuttoin12minuti” del Teatro Studio Uno, lo spettacolo, prodotto dall’associazione culturale Pane e Parole, porta in scena il viaggio più rischioso, avventuroso e affascinante che una donna possa compiere.

Dopo anni di tentativi falliti, una coppia rinuncia definitivamente all’idea di avere un bambino finché un giorno, nel bel mezzo di una ritrovata spensieratezza, ecco piombare come un macigno un test di gravidanza fatto quasi per caso, tanto per togliersi il dubbio. Un test spietatamente positivo. Nel cuore della protagonista deflagra un sentimento d’angoscia misto a felicità. Si parte, non c’è altra scelta.

Durante i fatidici nove mesi, frequenta il corso pre-parto con l’ostetrica ayurvedica, fa esercizi di respirazione diaframmatica e si convince (o meglio si fa convincere) che il parto può avvenire anche senza dolore, basta lasciarsi andare all’onda, respirare e cantare.

I mesi passano velocemente, il feto cresce e il corpo cambia. Alla rottura delle acque ha inizio la grande avventura, un viaggio di sola andata verso mari sconosciuti.

Al termine dello spettacolo, verrà offerto al pubblico un piccolo assaggio dei finger preparati da Simona Coschignano, chef e sommelier di Pane e Parole.

Grazie al centro Matemù per l’ospitalità in Residenze Urbane 2018.

Consulenza musicale:
Stefano Switala
Disegno luci:
Rocco Giordano

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara)
Ingresso 12 euro. Tessera associativa gratuita
giovedì, venerdì e sabato ore 21.00 / domenica ore 18.00

PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1
Per info: 3494356219- 3298027943
www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com