Retrospettiva Produzioni Nostrane | 16-26 nov |Sala Teatro

Retrospettiva Produzioni Nostrane – Ultras Teatro
al Teatro Studio Uno 16-26 Novembre(Sala Specchi)

botta s1

16-17 Amleto Punk | 18-19 Antigone fotti la legge |
23-24 Bernarda | 25-26 Agenti e castisti

Produzioni Nostrane RETROSPETTIVA
Regia Giovan Bartolo Botta
Con | Isabella Carle, Krzysztof Bulzacki Bogucki, Mariagrazia Torbidoni, Flavia Germana De Lipsis e Giovan Bartolo Botta
Costumi di Francesca Renda (SerigraFata)
Progetto grafico di Leonardo Spina

In scena al Teatro Studio Uno dal 16 al 26 novembre una Retrospettiva sulle opere di Giovan Bartolo Botta e la sua compagnia Produzioni Nostrane – Ultras Teatro, un viaggio psichedelico tra classicismo e ipocondria, tra logorrea e silenzi spessi attraverso una selezione di quattro diversi spettacoli della sua produzione: Amleto Punk (16-17 novembre), Antigone fotti la legge (18-19 novembre), Bernarda (23-24 novembre), Agenti e castisti (25-26 novembre).

Una folle corsa per conoscere il lavoro di un attore  fuori dal comune, unico e geniale, in scena con un altrettanto straordinario cast di attori, Isabella Carle, Krzysztof Bulzacki Bogucki, Mariagrazia Torbidoni, Flavia Germana De Lipsis, da lui diretti, con i quali propone una ricerca singolare e complessa sui testi classici, rivisti e riadattati ad un linguaggio contemporaneo.

I testi diventano così originali, completamente rimaneggiati. Lasciando del pulviscolo classico unicamente l’odore. L’idea primordiale. Il linguaggio poiché parla per archetipi, una caratteristica che solletica l’eternità. Produzioni Nostrane toglie alla messa in scena costumi storici intrisi di polvere, catartici giochi di luci, musiche da ambientazione e trombonismi vocali, tornando così all’urgenza, all’essenziale. Al puro lavoro sull’attore. All’interazione sul palcoscenico tra elementi vivi. Che non hanno appigli. Che possono contare solo su loro stessi. Come nella vita.

 

Amleto Punk (16-17 novembre)

La storia di Giovan Bartolo Botta raccontata da Amleto. Dunque la storia parallela di Amleto. Quella che non è mai stata scritta. Quella che non è mai esistita. Un Amleto recitato sul momento. Totalmente improvvisato. Totalmente in balia degli eventi. L’attore entra ed esce dal testo. Divaga. Guadagna tempo. Apre parentesi. Parla di altro. Dice ciò che gli pare. Amleto racconta i suoi miti calcistici. I suoi dubbi politici. Le sue ipocondrie. I suoi amori corrisposti solo a metà. Meglio ancora se taciuti. Che poi sono gli stessi di Giovan Bartolo Botta. Amleto si confessa, si sfoga. In un vortice di parole che mescola persona/personaggio/attore e pure qualche poesia. Amleto Punk. L’alternativa farmacologica all’Amleto di sempre.

 

BERNARDA o il kaos di Bernarda Alba (18-19 novembre)

Bernarda Alba ha un problema. Ha molti problemi. È solo un problema. Le sue figlie sono un problema. Assettate di vita. Vita vissuta. Pretendono il motorino, il piercing, il tatuaggio, la libera uscita senza coprifuoco, il superalcolico, l’esperienza psichedelica e la giusta dose di sentimentalismo compulsivo. I compiti li scopiazzano, l’andamento scolastico è pessimo, ingollano junk food, non fanno attività fisica, disprezzano le generazioni precedenti, non credono in Dio, non credono nel caso, non credono e basta. L’assistente sociale alza bandiera bianca, il terapeuta si suicida, il confessore si inginocchia sui ceci. Tutto pur di non aver a che fare con loro. La loro storia non interessa a nessuno. Piace giusto a noi attori che dobbiamo lavorare per mangiare. E ci tocca farci carico dei problemi dei personaggi come se non ne avessimo già abbastanza noi come persone.

 

Antigone fotti la legge – spettacolo teatrale in salsa punk (23-24 novembre)

Antigone fotte la legge per forza di cose, per causa di forza maggiore, per forza di inerzia, per abitudine, per un sacco di buoni motivi, non fosse altro che per non farsi fottere. Da chi? Da chiunque. Emone non fotte. È fottuto. Ismene è fottutamente ottusa. Euridice è una fottuta lussuriosa. Creonte se ne fotte. È tutto un fottersi a vicenda nella Tebe dei diritti e dei doveri. Ma in verità cos’è Antigone per un attore? Una scusa. Una scusa per esibirsi. Certo, si poteva utilizzare una Locandiera, ed esibirsi con quella. Lo si farà prossimamente se i Maya vorranno. Se non ci sarà la fine del mondo. Intanto per gli attori di teatro ogni giorno è un po’ la fine del mondo. Ergo si va in scena senza tanti fronzoli. Perché domani chissà…

 

AGENTI & CASTISTI – spettacolo teatrale in salsa ipocondriaca (25-26 novembre)

“AGENTI & CASTISTI” mette in primo piano le vicende grottesche di un’agenzia di spettacolo i cui dipendenti hanno un solo scopo: piazzare i propri clienti/attori per poter scalare un’assurda classifica interna ed evitare il licenziamento. Un gioco surreale e ironico in cui l’unica regola è “nessuna regola”, ogni sotterfugio, espediente e macchinazione sono consentiti per scavalcare i propri colleghi, emergere vincere e sopravvivere Una commedia dai ritmi serrati e dalla messa in scena scarna ed essenziale dove gli attori, senza l’ausilio di effetti di luce, costumi e scenografia, tirano le fila di un racconto tristemente attuale in cui l’ossessione del lavoro, qualsiasi esso sia, diventa l’unica speranza di sopravvivenza, l’ultimo baluardo a cui aggrapparsi con tutte le proprie forze a discapito di tutto e tutti.

 

Retrospettiva Produzioni Nostrane dal 16 al 26 novembre 2017 | Sala Specchi

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00


PRENOTAZIONI
 http://j.mp/prenotaTS1

Teatro Studio Uno, Sala Specchi
Via Carlo Della Rocca 6, Torpignattara, Roma
dal giovedì al sabato h 21:00 | domenica h 18:00
Ingresso € 12 – tessera associativa gratuita

INFO 349 4356219 – 329 8027943 | info.teatrostudiouno@gmail.com
PRENOTAZIONI bit.do/prenotastudiouno

Annunci

SERVIZI PER LO SPETTACOLO | TS1

Theater consulting

Il Teatro Studio Uno mette a disposizione  le sue competenze per tutte le problematiche e le esigenze delle  compagnie, giovani e non, per portare in scena uno spettacolo.

In particolare offre consulenze gratuite per progetti di spettacolo e servizi a prezzi contenuti per:

  • Ufficio Stampa
  • Comunicazione
  • Scenotecnica
  • Attrezzistica
  • Tecnica Luci e Audio
  • Costumeria

Info e appuntamenti :

329 8027943 / 349 4356219

LO STRANIERO| 9-19 Novembre |Sala Teatro

LO STRANIERO|

9-19 Novembre |Sala Teatro

Lo straniero_ dal 9 al 19 novembre_2017_Teatro Studio Uno_Roma_loc
Adattamento e regia
Lorenzo De Liberato
Con Marco Usai, Tiziano Caputo, Agnese Fallongo, Mario Russo

musiche arrangiate ed eseguite dal vivo da
Tiziano Caputo, Agnese Fallongo, Mario Russo

ass.regia Lorenzo Garufo
luci Matteo Ziglio


scene Laura Giusti con la collaborazione di Cecilia Fallongo
supervisione costumi Manifesto Costumista
foto e grafica Camilla Mandarino

 

coproduzione De Liberato / UsaiTeatro Studio Uno
Dal 9 al 19 novembre 2017

Teatro Studio Uno via Carlo della Rocca, 6  Roma

 

 

Debutta in Prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 9 al 19 novembreLo Straniero di Camus” liberamente tratto dall’opera dello scrittore francese Albert Camus, adattato e diretto dal regista Lorenzo De Liberato, con in scena un affiatato cast di attori di talento: Marco Usai, Tiziano Caputo, Agnese Fallongo, Mario Russo.

 

Lo spettacolo rileggere e reinterpreta uno dei più grandi capolavori della letteratura del novecento, sottolineando la chiave ironica e terribilmente realistica di un racconto che descrive il dramma di un uomo in balia di un destino avverso e beffardo e la sua incapacità di vivere in modo consapevole.

 

Il protagonista, il signor Meursault, vive ad Algeri ed è di origine francese, è uno “straniero” estraneo alla vita e alla società che lo circonda, annoiato e incapace di tessere relazioni con le persone che affollano la sua quotidianità, con le quali riesce ad interagire solo in maniera grottesca e a tratti surreale. La vicenda si apre con la notizia della morte della madre del protagonista nell’ospizio di Marengo, fuori dalla città. Durante il viaggio e il soggiorno per il funerale, Meursault si comporta eseguendo un compito necessario e nell’entrare in contatto con le figure dell’ospizio, quasi si distrae al pensiero della madre morta.  Non ha emozioni nemmeno per la donna che ha iniziato a frequentare da poco, Maria. Meursault si ritroverà, senza sapere perché, a uccidere un arabo in spiaggia.

 

Una volta in prigione, Meursault sembra non provare rimorso per l’omicidio e il suo spirito e i suoi atteggiamento sembrano abbandonare ogni possibilità di difesa, rifiutando ogni tipo di attenuante e perdono che anche il prete, nella sua figura, potrebbe concedergli. La sentenza della corte prevede la condanna a morte e Meursault, lontano da ogni salvezza spirituale, allineandosi agli eventi, attende il giorno dell’esecuzione.

 

L’intento della messa in scena è quello di rappresentare l’archetipo di un uomo sopraffatto dalla vita, incapace di prendere decisioni o assumersi delle responsabilità, condizionato quasi esclusivamente dal clima che lo circonda, dal sole o dal caldo asfissiante dell’estate algerina.

Valorizzato ed arricchito dalle musiche arrangiate ed eseguite dal vivo dagli stessi attori, lo spettacolo offre un sottotesto in musica che con ironia e delicatezza, accompagna lo spettatore all’interno delle vicende narrate in un crescendo unico di atmosfere, suggestioni, personaggi e visioni.

 

 

“Lo straniero di Camus” | 9 – 19 Novembre 2017| Sala Teatro

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00


PRENOTAZIONI
 http://j.mp/prenotaTS1

Per info: 349 4356219- 329 8027943

www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com

Laboratorio Teatro Studio Uno lab | Scopri l’essenziale

Laboratorio teatrale per non professionisti, aperto a giovani e adulti che vogliono sperimentare l’esperienza del palcoscenico attraverso la conoscenza delle regole base della recitazione, dell’improvvisazione, dell’uso del corpo, della parola e del gesto.

Un laboratorio per staccare dalla realtà quotidiana e immergersi in un ambiente accogliente, protetto e creativo, dove poter esprimersi e lasciarsi andare.

Vi aspettiamo Lunedi 30 Ottobre dalle 20:30 per la prova gratuita.

Info e prenotazioni: 349 4356219

STAGIONE 2017-18

Domani i giornali non usciranno_Teatro_ Studio Uno_26 ottobre - 5 novembre _2017_Loc

5-8 e 13-14 Ottobre (Cortile)

Produzione Teatro Studio Uno

Teresa Santa, Puttana, Sposa (Capitolo 1)

Il debutto di Teresa al Cabaret

Di Marco Bilanzone, regia Lorenzo Montanini,

con Nadia Caretto, Flavia Germana De Lipsis , Alessandro Di Somma, Mattia Giordano,  Jessica Granato,  Federico Le Pera, Riccardo Marotta, Giuseppe Mortelliti, Eleonora Turco

Primo di una serie di cinque spettacoli tra loro indipendenti ma intrecciati, che raccontano la storia di Teresa Battista eroina simbolo di libertà, coraggio ed emancipazione.  Pestefame e guerramorte e amore. Canzoni d’ubriachi, passi di danza, grida di disperazioni, voci di piazza, leggende di paese. “Teresa santa, puttana e sposa” è la storia di una bambina nata libera e venduta dagli zii a tredici anni, prostituta e schiava, ballerina e cantante ineguagliabile, moglie devota. Regina delle prostitute infermiere contro il vaiolo nero, amante indomita in eterna attesa, guerriera e protettrice dei più deboli, femminista, santa e figlia del dio della guerra. Nel magico Sud del nostro paese, a Sant’Esolo, ai margini dei monti Filetei, muove i suoi passi la nostra eroina, un territorio/limbo, immaginario e immaginifico, abitato da persone provenienti da ogni regione di questa variopinta nazione. Gente che poco chiacchiera con gli stranieri e che è avvezza al duro lavoro sotto il sole. Lì Teresa troverà l’amore, l’invidia, la vendetta in un turbine di avvenimenti che la trasformeranno nel profondo.

_______________________________________________________________________________

19-22 Ottobre (Sala Teatro)

Produzione T Lab

Metamorphosys (19 e 21 Ottobre)

Di Vittoria Faro

con Luigi Biava, Cecilia Mati Guzzardi, Carola Wilson Ripani ed Elisabetta Ventura

METAMORFOSYS ripercorre il mito ovidiano in una mutata forma, in una riscrittura scenica performativa, raccontando una nuova genesi dell’umanità proiettata in una delle possibili dimensione del futuro prossimo, quello in cui la realtà fenomenica soccombe alla sua immagine virtuale affidata alla Rete. Cosa accadrebbe se il mondo per come lo conosciamo dovesse finire? Cosa resterebbe di noi? Che forma assumerebbe la nuova umanità? Che ruolo avrebbe la tecnologia? L’evoluzione tecnologica nella post modernità ha portato l’Uomo ad affidare alla Rete non solo informazioni, dati statistici e numerici, ma l’intero Sapere comune. E sempre più pensieri, ricordi, segreti, relazioni e sentimenti che in rete scambiamo o custodiamo. “Memoria” è nell’ipotetico futuro prossimo l’unità centrale che conserva i nostri dati, ciò che siamo e la Storia che abbiamo costruito in immateriali e adimensionali impulsi di energia. “Memoria” è summa delle emozioni, dei ricordi, dei pensieri e dei sentimenti che gli esseri umani le hanno affidato nel tempo e che ora trasmette alle nuove creature, prodotti dall’evoluzione umana. Antiempatici, i nuovi esseri sono schiavi della connessione, attraverso la quale ricercano un’identità e un senso all’esistenza.

Medea (20 e 22 Ottobre)

Di Vittoria Faro

Performer Soundproducer Vittoria Faro Drammaturgia Matilde D’Accardi, Vittoria Faro Voice offVittoria Faro Martino Duane Visual design Antonio Pizzola Costumi Alma Quintini Photo Eleonora Faro Photographer

Medea si risveglia sulla riva del mare, lambita dalle onde della risacca, vittima del suo destino tragico. Condannata ora – e per l’eternità – a rivivere la sorte del suo personaggio: principessa ribelle e determinata che perde la sua terra per amore di Giasone, sposa affranta dal tradimento del suo uomo, esule scacciata dalla terra che l’aveva accolta, vittima della persecuzione del re Creonte e del suo malvagio disegno e, infine, madre macchiatasi del più mostruoso e orrendo delitto: il sacrificio dei suoi stessi figli. Come una profuga che, costretta dagli eventi, affida i figli al mare sfidando il rischio di perderli per offrire loro una speranza di un futuro altro, Medea affronta l’estremo Sacrificio, quale atto ineludibile per la salvezza in un rinnovato equilibrio cosmico: “E’ necessario che muoiano – dice in Euripide – e se così deve essere io li ucciderò, io che li ho messi al mondo”.

 

 

26 Ottobre – 5 Novembre (Sala Specchi)

Produzione Barone/Chieli/Ferrari |Teatro Studio Uno

Domani i giornali non usciranno

Di Veronica Raimo

regia Emilio Barone e Massimiliano Ferrari

Con Alessandra Chieli

Musiche originali Toni Virgillito
Una giovane donna è in aeroporto, ha appena perso la coincidenza per il suo volo e non sa quando potrà imbarcarsi sul prossimo. Sono mesi che si sta preparando a questa partenza, con una determinazione insieme pratica ed estetica: vuole sentirsi perfetta per raggiungere l’uomo che la sta aspettando.
La scena è tutta contenuta all’interno dell’aeroporto, il non-luogo per eccellenza, dove i confini pian piano sfumano nella dimensione di un limbo. La perfezione della donna si apre e si contamina a contatto con la realtà: le luci al neon, la mancanza di cielo, le voci dissonanti di funzionari aeroportuali, le voci accorate ma vischiose di chi non vorrebbe lasciarla andare.  L’iniziale agitazione per la mancata coincidenza declina verso una forma di serenità carica di vitale irrequietezza, e lo scarto rispetto alle proprie aspettative diventa un territorio nuovo, inesplorato, fertile, mai confortevole. Come se dovesse dar conto delle ragioni per cui si trova lì, la donna si aggira all’interno di questo limbo rivendicando il proprio diritto all’insoddisfazione contro chi le chiede di essere ottusamente soddisfatta.
E l’uomo che la sta aspettando – se c’è davvero qualcuno ad attenderla – incontrerà una donna che ha accettato di perdere molte cose per provare essere se stessa.

_______________________________________________________________________________

2-5 Novembre (Sala Teatro)

Ubu Me

regia Diviso per zero

Con Francesco Picciotti e Francesca Villa

Ubu è un essere terribile, disgustoso, deforme. Il centro del suo mondo è la pancia, la grande spirale, sproporzionata rispetto al resto del corpo. E’ nel suo letto, immobile, attorno a lui i resti delle atrocità che ha commesso: teste, braccia, scalpi, volti. Sono questi resti a ricordargli la sua storia, a raccontargliela e a fargliela rivivere sempre, senza pentimento, senza rimorso. Perchè ubu non ne ha, non ne vuole, non ne ha bisogno. Ubu non dubita mai di se stesso, non teme conseguenze, non ha paura, se non per la propria vita. I due burattinai sono due improbabili sacerdoti che, a differenza dei preti veri, riescono effettivamente a far rivirere l’oggetto della loro celebrazione. Come succede, o dovrebbe succedere nel teatro, più o meno.

_______________________________________________________________________________

9-19 Novembre(Sala Teatro)

Lo Straniero di Camus

Scritto e diretto da Lorenzo De Liberato

Con Tiziano Caputo, Agnese Fallongo, Mario Russo, Marco Usai

Il signor Meursault vive ad Algeri ed è di origine francese. La vicenda si apre con la notizia della morte della madre del protagonista nell’ospizio di Marengo, fuori dalla città. Durante il viaggio e il soggiorno per il funerale, Meursault si comporta eseguendo un compito necessario e nell’entrare in contatto con le figure dell’ospizio quasi si distrae al pensiero della madre morta. Di ritorno dal viaggio nella sua Algeri, incontra al mare una donna di nome Marie, sua ex collega, con cui inizierà una relazione senza provare una vera passione o sentimento amoroso, ma principalmente un trasporto fisico. La conoscenza col vicino di casa Raymond compromette il protagonista che in una giornata particolarmente assolata, e senza un reale scopo,uccide in spiaggia, scaricando quattro colpi, un arabo che cercava vendetta in quanto fratello della donna maltrattata quotidianamente dallo stesso Raymond. Una volta in prigione, Meursault sembra non provare rimorso per l’omicidio e il suo spirito e i suoi atteggiamento sembrano abbandonare ogni possibilità

_______________________________________________________________________________

16-26 Novembre(Sala Specchi)

16-17 Amleto Punk | 18-19 Antigone fotti la legge| 23-24 Bernarda | 25-26 Agenti e castisti

Produzioni Nostrane RETROSPETTIVA

Regia Giovan Bartolo Botta

Con | Isabella Carle, Krzysztof Bulzacki Bogucki, Mariagrazia Torbidoni, Flavia Germana De Lipsis e Giovan Bartolo Botta

Retrospettiva sulle opere di Giovan Bartolo Botta e la sua compagnia Produzioni Nostrane, un viaggio psichedelico tra classicismo e ipocondria, tra logorrea e silenzi spessi, in scena Amleto, Antigone, Bernarda Alba e gli Americani Mamettiani, una folle corsa per conoscere un attore unico, vero, geniale.

_______________________________________________________________________________

30 Novembre – 3 dicembre(Sala Teatro)

Lettera al padre

Di e con Gabriele Linari

Lettera al padre”, uno scritto personale dell’autore praghese. Una confessione accorata al genitore autoritario e arrogante, mai pervasa da rancore. Un vero e proprio conflitto nei confronti di una figura che incarna l’autorità assoluta, rappresentante di un mondo utilitaristico e pratico, ben lontano dalle aspirazioni dello scrittore. Ognuno di noi si potrà identificare in questo duro contrasto tra generazioni. Sul palco l’attore e regista Gabriele Linari, pochi gli elementi scenici ad accompagnare il monologo, in un susseguirsi di emozioni legate da un filo di instancabile ironia. A scandire il percorso nei meandri della mente di Kafka, le musiche originali di Jontom con cadute dissonanti e toccanti picchi melodici. Kafka scrisse la Lettera al padre nel 1919 anno in cui le sue pubblicazioni iniziavano a fare il giro d’Europa. Franz affidò lo scritto a sua madre perchè lo consegnasse al destinatario. Hermann Kafka non ricevette mai la lettera di suo figlio.

_______________________________________________________________________________

 

7-10 Dicembre(Sala Specchi)

Me

Di e con Ilaria Migliaccio

Me è il racconto di un corpo. Me dice: “Io sono Pripyat, la città abbandonata 31 anni fa,  dove oggi crescono piante e animali radiaottivi, sono la natura che nasconde  la ferita.” Ci sono volute 500 rose per costruire gli organi del corpo che viene raccontato qui, e forse ce ne vorrebbero ancora. Mentre le costruivo mi chiedevo perché così ante, poi ho trovato la risposta. Dovevano raccontare quello che è nascosto in ognuno di noi, quello che sta dentro e che spesso fa anche un pò ribrezzo, ma io volevo raccontarne la bellezza. I fluidi, il sangue, la carne, la connessione delle parti, il dentro e il fuori, in una macchina perfetta, che resiste, nonostante tutto. Parto dalla morte, per approdare alla sete di vita e questo è un viaggio a ritroso, un’azione psicomagica per sconfiggere la paura di morire.

 

7-10 Dicembre(Sala Teatro)

Nano Egidio La Trilogia

Regia Nano Egidio

Con Marco Ceccotti, Francesco Picciotti, Simona Oppedisano

Nano Egidio Contro il Male di Vivere Spesso Incontrato è un kolossal intimista di teatro povero interpretato da attori, pupazzi, giocattoli e un nano da giardino.  Ad un certo punto del cammino della nostra vita ci si accorge che la maggior parte di ciò in cui credevamo ci ha deluso o viene messo in discussione. Sia che si parli di religione, politica, studi, lavoro, la famiglia, noi stessi, tutto mostra delle piccole o grandi crepe che da un momento all’altro possono allargarsi e far crollare tutte le nostre certezze. Gli eroi e i personaggi delle fiabe della nostra infanzia, quelli più forti e tenaci che ci hanno seguito fino all’età adulta, ci aiutano a combattere questa lotta contro nemici nuovi e pericolosissimi, non più i classici cattivi fumettistici o dei cartoni, bensì le paure, le crisi e le ansie che caratterizzano i nostri tempi. Lo spettacolo si ispira ai film d’azione americani senza averne i soldi e i mezzi. Gli effetti speciali e il montaggio rapido, tipici di questo genere cinematografico, vengono ricreati in scena tramite la manipolazione dei più disparati giocattoli e pupazzi e la costruzione di gag estreme e demenziali.

_______________________________________________________________________________

 

14-17 Dicembre(Sala Specchi)

Produzione Teatro Studio Uno

Teresa Santa, Puttana, Sposa (Capitolo 2)

Il debutto di Teresa al Cabaret

Di Marco Bilanzone, regia Lorenzo Montanini,

con Flavia Germana De Lipsis , Alessandro Di Somma, Mattia Giordano,  Jessica Granato,  Federico Le Pera, Riccardo Marotta, Giuseppe Mortelliti, Eleonora Turco

 

14-17 Dicembre(Sala Teatro)

Pollini

Scritto e diretto da Alessia Giovanna Matrisciano

Con Francesco Guglielmi e Ilaria Giorgi

Lei pensa di non avere “le mele” che tutti gli uomini vogliono, le cerca disperatamente in se stessa ma non le trova, vuole farle nascere e non nascono, e perciò non riesce a sentirsi donna. Lui sente in lei il profumo delle mele, prova per esso attrazione e ansia, prova paura inettitudine avversione ribellione e in questa frustrazione non riesce a sentirsi uomo. Lei non ama i gatti come molte altre donne, infatti tiene dieci topi dentro casa. La notte li libera e se li sente passeggiare sul corpo, e fa di quei pensieri indecenti che in verità fanno sorridere; sogna delle mani che la tocchino come una bambina sogna gli unicorni. Lui tiene sempre in tasca un ritaglio da un giornaletto di provincia nel quale un giorno è comparsa la sua foto; lo mostra a tutte le donne e racconta loro una notizia inventata, col solo effetto e forse scopo di farla fuggire. Sono due personaggi androgini, infantili, disadattati, che vogliono mostrarci come è buffo ed emozionante vivere in un’età fuori tempo massimo l’esperienza del primo amore.

_______________________________________________________________________________

4-7 Gennaio(Sala Teatro)

L’unica cosa possibile

Di Iris Basilicata

Regia Francesco Prudente

Con Iris Basilicata e Eleonora Gusmano

 

Nella famosa favola di Esopo della cicala e della formica ci viene insegnato che chi nulla fa nulla ottiene e chi compie determinate azioni viene poi ripagato nel giusto modo. Ma quale? Cosa avviene quando l’unica cosa possibile da fare in una situazione di pericolo è un omicidio? Questa la domanda attorno alla quale si intrecciano le vicende dei tre protagonisti di L’unica cosa possibile. Anna e Barbara vivono la loro morbosa relazione tra arte, cibo, pittura, dipendenze, scrittura, l’amore incondizionato per Julian e citazioni artistiche di Giacomo Puccini. Il perfetto quadro di una vita bohémienne che si tingerà sempre più di rosso vede coinvolte due attrici e tre personaggi, cinque entità in tutto in cui lo spettatore può riconoscersi o meno. Pezzi di vita quotidiana, elementi preziosi per la ricostruzione della vicenda sanguinosa, vengono ricostruiti in scene alternate da bui in cui il prima e il dopo vengono fusi in un tempo indefinito. Lo spettacolo si sviluppa in un flusso di coscienza confuso e disperato che ci confessa lucide e complicate verità. Gli incontri, le vicende, attimi di vita quotidiana di Anna, Barbara e Julian si susseguono in uno schema a flusso. I ruoli sono volutamente lasciati indefiniti, i protagonisti perdono la loro identità perdendosi continuamente l’uno nella personalità dell’altro: sono uno, sono tre, sono cinque, per poi tornare a non essere nessuno.

_______________________________________________________________________________

11-14 Gennaio(Sala Teatro)

Produzione Teatro Studio Uno

Il Giovane Riccardo

Di Alberto Fumagalli

Regia Alberto Fumagalli, Tommaso Ferrero

Con Alberto Fumagalli, Loris Farina, Antonio Muro, Alice Bertini, Ludovica D’Auria

“Il giovane Riccardo” è un progetto liberamente tratto dall’opera shakespeariana “Riccardo III” Riccardo, figlio deforme e poco amato dalla propria famiglia, attraverserà la sua giovinezza condannato dalla sua vera natura e dal rifiuto della società. Scuola, amici, amori, sport, niente riuscirà ad accettare il primo genito della casata degli York. Storpio, timido e inadatto, Riccardo proverà amore, paure, gioie e desideri, come ogni giovane ragazzo. Il continuo e violento rifiuto muterà il carattere di Riccardo. Il suo silenzioso e pacato carisma, la sua mai riconosciuta intelligenza, si muteranno in muta violenza, studiata vendetta e insaziabile ambizione.

_______________________________________________________________________________

19-21 Gennaio(Sala Teatro)

Produzione LiberaImago

Celeste

Scritto e diretto da Fabio pisano

Con Francesca Borriero, Roberto Ingenito, Mario DI Fonzo

Nel 1925 a Roma, nel Ghetto ebraico, nacque da Settimio ed Ersilia, Celeste di Porto. Non si sa molto di lei, ma alle cronache, su qualche articolo di giornale, qualche ancor non troppo logora memoria tira fuori questa vecchia, impolverata ma spietata storia. La storia della “pantera nera”. Di quella bellissima e fatale ragazzina di diciotto anni che, dopo il rastrellamento del ghetto romano ad opera dei tedeschi guidati da Kappler, decide di diventare una delatrice. Di vendere gli ebrei. I suoi concittadini. Inizia così un vero e proprio periodo buio per gli ebrei del ghetto italiano; coloro i quali venivano “salutati” con un cenno della mano da colei la quale era riconosciuta come una delle più belle ragazze di Roma, non aveva scampo. Per ogni “capo”, lei guadagnava cinquantamila lire. E non importa se a finire nelle mani delle camicie nere fossero donne, bambini o uomini. No. La “pantera nera” era indifferente al genere, alle età. Solo la sua famiglia, doveva essere risparmiata. Ma il padre non riuscì a portare questo enorme peso sulla coscienza, e si consegnò alle SS. I fratelli, tra cui Angelo, tanto amato, la rinnegarono. Solo la madre continuò a volerle bene

_______________________________________________________________________________

18-21 Gennaio(Sala Specchi)

Virgolatreperiodo

Era meglio se facevo l’attore

Di e con Andrea Onori

L’intenzione è quella di affidarsi alla struttura – allo scheletro – della troppo, troppo solida opera come punto di appoggio per puntare gli occhi altrove. Spostare lo sguardo dalla nebbia che abbiamo davanti e intorno e farlo sedere sul palcoscenico. Sopra vi sono Andrea, attore, e Amleto, aspirante tale. I due si studiano, ma non si riconoscono.  Sanno di avere un problema, forse anche più di uno. Non sanno da dove iniziare e erciò non lo fanno. Aspettano. Il fatto è che la Danimarca oggi non è il luogo ideale per fare progetti. Non tanto per la guerra, ma perché nessuno sembra prendere le cose sul serio. I servi e i padroni non combattono più, anzi vanno a banchetto insieme e si scambiano risate in televisione. Ai meritevoli è detto di farsi da parte, mentre gli assassini e i bugiardi siedono sullo scanno più alto. E chi a fatica riesce a conquistarsi il suo guscio d’uovo lo fa a scapito e danno dell’altro, e passa il tempo a volersi difendere, guardando chiunque si avvicini con sospetto e terrore. Solo a Teatro le cose sembrano andare bene. Per questo tutti vogliono fare gli attori.

_______________________________________________________________________________

25-28 Gennaio(Sala Teatro)

Talia’s Machine

Hotline

Scritto e diretto da  Lady Babushka

Con Marta Chiara Amabile, Rossella Fava, Serena Ferraiuolo, Viola Lucio, Zoe Pernici, Chiara Tomei

Marcella, neolaureata in attesa di una proposta di lavoro allettante, si imbatte in Hotline un callcenter erotico  dove le donne sono professioniste della simulazione per far godere chi attende dall’altro capo della cornetta. Scandisce il tempo la legge del profitto, riempie lo spazio una moltitudine di suoni, intorpidisce la volontà l’attesa di un lavoro qualificante,  di un amore ricambiato o di una vita più gratificante. Cercano tutte un’identità nella società imperante dell’alienazione consumistica, o forse solo un posto e allora  Hotline diventa il luogo dove urlare tra un gemito e un sospiro: ” Siamo in attesa , dateci un sogno!”

25-28 Gennaio(Sala Specchi)

Massa a Fuoco

Questione di centesimi

Di e con Pasquale Faraco

Regia Paolo Schiena

Questione di Centesimi nasce dai racconti di un operaio dell’Alfa Sud di Pomigliano per un certo periodo della sua vita, i quali racconti sono poi andati intersecandosi con l’attualità, in particolare con le innovazioni introdotte nella metrica del lavoro in fabbrica (a partire dal toyotismo, ma che in Italia sono giunte solo a partire dai tardi anni Novanta), in specie alla FIAT di Pomigliano  La vita umana si fa sempre più merce. L’alienazione è sembrata aumentare indistintamente in comparti dove o si lavora tantissimo o, per lunghe fasi, non si lavora affatto. Il tutto poi si incastra nelle problematiche ambientali della Campania (in una sorta di malefico quadro organico, in cui umano e ambientale degradavano fino alla irriconoscibilità. In questo maelstrom di sensazioni, esperienze e intuizioni l operaio Ricardo Belladonna cerca una via di uscita che a poco a poco  sembra derivare da una memoria ancestrale che a tutti appartiene ad una sorta di “marchio di fabbrica” dell’umano.

1-4 Febbraio (Sala Specchi)

Produzione Teatro Studio Uno

Teresa Santa, Puttana, Sposa (Capitolo 3)

Il debutto di Teresa al Cabaret

Di Marco Bilanzone, regia Lorenzo Montanini,

con Flavia Germana De Lipsis , Alessandro Di Somma, Mattia Giordano,  Jessica Granato,  Federico Le Pera, Riccardo Marotta, Giuseppe Mortelliti, Eleonora Turco8-11 Febbraio (Sala Specchi)

12 ore nella vita di Io

Di Daniele Casolino, regia Daniele Casolino, Francesca Romana Nascè

con Daniele Casolino, Giorgia Frisardi, Francesca Trovato

Dodici ore nella vita di io” è un monologo per licantropo, tratto da un racconto di Daniele Casolino. Nella stesura scenica prevede l’accompagnamento musicale live di altri due musicisti/attori oltre all’io narrante. La scena è fredda, come il bagno di una stazione. Una luce al neon illumina fredda, a pioggia il soggetto. Un corpo nudo e abbandonato a sé stesso in un sottobosco metropolitano popolato di antieroi epici, tanto più umani quanto lontani dall’accettazione sociale. Il testo prende come luogo di azione la stazione Termini e i portici di via Marsala, tra clochard e cercatori parvenu di accettazione sociale. Chi entra e chi esce, come attraverso i tornelli di una stazione in cui nulla mai si ferma. Solo le luci al neon e gli orologi che dettano i passaggi, ancorati ai pilastri di marmo restano fissi.

 

9-10 Febbraio (Sala Teatro)

Gobbo a mattoni

Di e con Riccardo Goretti

Regia Massimo Bonechi

Goretti, detto in paese “Sindachino”, è fermo al suo tavolo da briscola, al circolino, ad aspettare i suoi compagni di sempre: “Krusciovve”, il suo compare storico, due volte sindaco del paese (e da questo, per la loro assidua frequentazione, deve il suo soprannome Goretti), passato da PCI a PDS a DS a PD a NONVOTANTE. “Dumenuti”, che da ragazzo faceva l’attore nel teatro e da vecchio s’è rovinato col videopoker. “La Madonnina”, Marigia Martinelli, che pare una madonnina in effetti, ma bestemmia come un camionista. Ma stasera nella sala delle carte non viene nessuno. Perchè domani il circolino, dopo 50 anni esatti d’onorata carriera, chiuderà per sempre. Son tutti di là, a festeggiare, a dare l’addio a quelle sale ingiallite dal tempo e dalle sigarette. Il Sindachino non s’arrende. E aspetta. Facendo un solitario.
Nel suo schema di carte c’è un buco: da quel mazzo, che i 4 non hanno mai cambiato negli ultimi 15 anni, manca il gobbo a mattoni. Poco importa, basta saperlo, e riadattare le regole del gioco è un attimoCosì, mentre aspetta e gioca con quel mazzo mancamentato, il Sindachino racconta.
Racconta di sé (poco) e degli altri (tanto) e di cosa è accaduto in 50 anni dentro al circolino.
 

15-18 Febbraio (Sala Teatro)

Radio Nostalgia

Scritto e diretto da Claudia Balsamo

con Angela Rosa D’Auria, Antonino Torino

Lei avanza e lui arretra, lui incalza,lei si  trattiene, lui desidera, lei non più e gli stessi ricordi che sono per lui fonte di vita, sono per lei occasione di remissione. Però si amano. Si amano come dimostra la parola “Amore”,pronunciata ormai con troppo  automatismo,parte della sintassi quotidiana. Si amano a tal punto da non guardarsi nemmeno più negli occhi quando lo dicono.Maessere innamorati ,significa saper aspettare,imparare la pazienza sopra ogni cosa,accettare l’altro per quello che è senza però annullarsi per amore. Un viaggio nei ricordi  quello di Lucienne e Pierre,si,perché avvolte basta una vecchio radio e delle canzoni già ascoltate per tornare ad emozionarsi ,come bambini,come prima.Ricordi che ci hanno strappato una lacrima o un sorriso e proprio in quei ricordi ,ci si ritrova,riconoscendosi come necessità reciproca. Uno spettacolo che decide di far luce con una chiave comica  sui rapporti di coppia,sui problemi che spesso non siamo in grado di affrontare senza farne prima una tragedia ,uno spettacolo che ci fa capire che spesso litigare in amore può essere utile a levare un po’ di polvere accumulatasi e che in realtà “la persona perfetta” non esiste perché noi stessi siamo imperfetti e non si dovrebbe amare qualcuno  per quello che si vorrebbe ma per quello che è.

 

15-25 Febbraio (Sala Teatro)

Coproduzione Bit Quartet/Teatro Studio Uno

Youkonstyle

Di Sarah Berthiaume, regia Francesca Zerilli

con Gabriele Paupini, Benedetta Rustici, Marianna Arbia

Nello spazio immenso e misterioso dello Yukon, regione a nord del Canada, sul confine con l’Alaska, si incontrano le vite solitarie di tre personaggi: Yuko, giapponese in esilio, Garin, meticcio autoctono della zona e Kate, ragazzina canadese che attraversa lo stato in un road trip senza meta vestita alla moda Harajuko. Tre personaggi sradicati, tre outsider che si ritrovano a condividere uno spazio e un tempo che li spingerà a stringere delle relazione gli uni con gli altri e ad appoggiarsi agli altri per superare le proprie paure e trovare una via d’uscita dall’ isolamento in cui si trovano.

22-25 Febbraio (Sala Specchi)

Parto

Di e con Eva Gaudenzi

Dopo anni di tentativi falliti, una coppia rinuncia definitivamente all’idea di avere un bambino. “Si vede che non era destino”, dice lei finalmente libera dallo stress. Finché un giorno, nel bel mezzo di una spensierata e disinibita vita a due, ecco piombare come un macigno un test di gravidanza fatto quasi per caso, tanto per togliersi il dubbio. Un test spietatamente positivo. Nel cuore di lei, un sentimento d’angoscia misto a felicità. Si parte, non c’è altra scelta. Il tempo passa velocemente, il feto cresce ed il corpo cambia. E per quanto si faccia, sembra sempre che al parto non si arrivi mai abbastanza preparate. Ed è così infatti. Perché è solo quando si rompono le acque che inizia la vera avventura, un viaggio di sola andata verso mari sconosciuti.

1-4 Marzo (Sala Teatro)

Produzione Teatro Studio Uno

Il Peccato

Scritto e diretto da Giacomo Sette

Con Sarah Nicolucci

Gli evangelici sono uno dei pilastri della vittoria di Trump negli U.S.A. Sono trasversali, l’ala destra del metodismo americano. Guerrafondai, ultracapitalisti e protezionisti insieme. Antiabortisti, creazionisti, sessisti e in parte xenofobi, da decenni seducono e plasmano una grande fetta della popolazione americana e una porzione non indifferente di investitori, politici e “lupi di Wall Street”. Ci riescono con un messaggio cristiano tra i più aggressivi mai generati -l’oltranzismo nazionalista- e, sopratutto, con una raffinatissima tecnica di predicazione: tecnica di una teatralità spaventosamente efficace e padroneggiata con destrezza dal Pastore protagonista del nostro spettacolo. Donna a metà fra “uomo d’affari” ed angelica figura bianco-vestita, il Pastore affronta la sua lotta contro un mondo dominato da ateismo, islamismo e pornografia, da pronta addestratrice di bambini: le loro menti sono infatti il campo di battaglia più fertile a cui la nostra attrice-sacerdotessa possa aspirare -e costituiscono la materia prima ideale perché i futuri, aspiranti predicatori annidati in platea imparino ad esercitare la loro missione con sempre più orrida efficacia

8-11 Marzo (Sala Specchi)

In qualunque posto mi trovi

Di Noemi Radice e Eleonora Cicconi Regia Noemi Radice

Con Eleonora Cicconi

“In qualunque posto mi trovi” racconta di Gaia, una quindicenne alla ricerca della propria identità e delle proprie passioni. Durante i pomeriggi nella sua cameretta si rifugia nel mondo di Youtube, un posto libero in cui ognuno può esprimere se stesso e condividere le proprie esperienze e interessi con migliaia di persone. Qui trova la sua youtuber preferita, che diventa per lei un’amica che la fa stare bene nei momenti difficili e la diverte nei momenti di serenità: un vero modello di vita. Ma la difficoltà per Gaia sarà mettere in comunicazione il mondo ideale di Youtube con il mondo reale delle sue giornate, lottando con l’ambiente familiare e con la propria sensazione di inadeguatezza.

15-18 Marzo (Sala Specchi)

Un Capitano

Di Amr ABuorezk Regia Eleonora Gusmano

Con Ivano Russo

Nell’estate del 2006, durante i mondiali di calcio, Amr A., 21 anni, decide di tentare la traversata per mare dalla Libia all’Italia. Amr è un pescatore, conosce il mare fin da bambino. In Egitto guadagna poco e potrebbe solo pescare per tutta la vita, ma il suo spirito brillante e la sua voglia di scoprire il mondo lo spingono a cercare uno strappo nella rete della quotidianità. Il viaggio inizia e immediatamente Amr si rende conto che gli scafisti non sono adeguati a guidare la barca. Gli incidenti si sommano, la tensione cresce e il tempo è poco. Amr capisce che deve fare una scelta:l asciarsi andare come gli altri nelle mani di tre incapaci, o mettersi lui stesso alla guida della barca. Lui, che è sempre stato quello che gli ordini li prendeva. Lui, che è sempre stato secondo e mai capitano. Così respira, e sceglie di prendersi la responsabilità di 144 uomini, che da massa di sconosciuti diventano la sua ciurma.

 

15-18 Marzo (Sala Teatro)

Controtempo Theater

Quasar

Di Danilo Franti Regia Lilith Petillo

Con Danilo Franti

“Quasar” parla di tutti e di nessuno. E’ un viaggio attraverso mille luoghi racchiusi in un unico invisibile spazio. E’ corsa e immobilità, tempesta e cielo stellato. Tra le ferite, la rabbia e i pianti si ergeva un muro tra cervello e cuore, un muro invisibile ma molto solido, ci si abitua ad averlo e si continua a sopravvivere. Forse la vita, ogni tanto, ti da una possibilità, una sola, per guardarti dentro e vederti per come sei, e a quel punto? Che farai?

 

22-25 Marzo (Sala Teatro)

Produzione Teatro Studio Uno

Teresa Santa, Puttana, Sposa (Capitolo 4)

Il debutto di Teresa al Cabaret

Di Marco Bilanzone, regia Lorenzo Montanini,

con Flavia Germana De Lipsis , Alessandro Di Somma, Mattia Giordano,  Jessica Granato,  Federico Le Pera, Riccardo Marotta, Giuseppe Mortelliti, Eleonora Turco

 

5-15 Aprile (Site Specific)

Augenblick

Scritto e diretto da Riccardo Brunetti

Pierre Sogol è disperso da mesi. Ma Lisa continua a percepirne la presenza, a sentirne il respiro. Il prof. Peeters vuole sfruttare la situazione a suo vantaggio e Marie intuisce che prima di passare all’azione bisognerebbe aspettare. Julie si smarrisce nella grande casa cercando qualcosa in più sulla strada del passato, mentre il maggiordomo Jakob vorrebbe finalmente riuscire a perdersi nella sua libertà. Per René l’unica via è verso l’alto. Augenblick è un varco nel tempo. Un tempo passato, un tempo di guerra. Il tempo del desiderio, che torce la linearità degli eventi. Effetti e cause si specchiano e si riconoscono solo nel presente. Un tempo partecipato, perché chi saprà vivere l’istante incontrerà le nostre storie, siederà tra noi, calcherà i nostri passi, tentando l’ascesa al monte analogo, la scalata che conduce a noi stessi. Un’esperienza immersiva che oltrepassa i tradizionali confini del teatro.

 

19-22 Aprile (Sala Teatro)

Icanisciolti

Bunker

Di Roberto Nugnes, regia Luca Pastore

Con Dimitri D’Urbano, Matteo Antonucci

Lo spettacolo racconta di due uomini, due “terroristi” degli anni di piombo in Italia negli anni ‘70, che per sfuggire alla polizia si rinchiudono in un minuscolo appartamento completamente isolato dal mondo proprio come un Bunker. Qui la storia vera dei due assume un contorno di mistero, una donna li rifornisce di viveri e beni di prima necessità, con cadenza sempre più rarefatta e il tempo prima scandito dai caffè diventa sempre più ciclico fino a una atmosfera onirico -folle quando le pulsioni di uno dei due esplodono in modo violento.

19-22 Aprile (Sala Specchi)

Allenarsi a levarsi

Di e con Giuseppe Mortelliti

Quali sono le cose, le idee, le anime a cui siamo più legati?
La nostra storia parla di un allievo e di un Maestro. L’insoddisfazione porterà il Novizio a chiedere consiglio al proprio Mentore: come fare per raggiungere la leggerezza? Il Maestro suggerirà al giovane un percorso per abbandonare ogni fonte di sofferenza. Inizierà così un viaggio attraverso paesi diversi, e ad ogni tappa incontrerà altri Maestri che lo metteranno di fronte alle proprie paure, invitandolo a distaccarsi dai punti saldi della propria esistenza. Ad ogni tappa il protagonista abbandonerà qualcosa di vitale, attraverso un percorso per raggiungere una verità che possa essere slegata da affetti, passioni, doveri, fedi, esistenze, corpi. Cosa c’è oltre?

26-29 Aprile (Sala teatro)

Produzione Teatro Studio Uno

Macbeth Puppets Solo

Di e con Simone Fraschetti

Medioevo, Scozia. Al termine di una furiosa battaglia campale, Macbeth e Banquo, generali di Re Duncan, sconfiggono i capi degli eserciti di Irlanda e Norvegia. I due, sulla via del ritorno, incontrano una strega che predice loro il futuro: Macbeth sarà re di Scozia, mentre Banquo sarà capostipite di una stirpe di re.  Macbeth in una lettera ne informa la moglie. La stessa sera, Lady Macbeth escogita un piano per uccidere re Duncan e assicurare il trono di Scozia al marito. Dopo il regicidio Macbeth viene infatti proclamato re. Inizia il regno del terrore dell’usurpatore e di sua moglie. In una spirale di follia Macbeth fa uccidere tutti i suoi possibili nemici, e mentre questi si manifestano all’assassino in forma di incubi, la strega torna con le sue ambigue profezie. Tutto precipita verso l’unico finale possibile. Una domanda resta. Chi è stato il vero artefice della vicenda? Chi è burattinaio che ha mosso sin dall’inizio i fili del Fato?

3-6 Maggio (Sala Teatro)

Produzione Matutra Teatro

200 Decibel

Dei bambini come tanti giocano a fare i soldati. D’improvviso qualcosa cambia: il gioco si fa vero, diventano veri soldati. Un grottesco presidente dichiara guerra al regime nemico. Iniziano così i bombardamenti. Si cambia registro. Cambiano per sempre le vite dei tre protagonisti. Il primo, un ragazzo di 15 anni, perde il suo migliore amico in seguito all’esplosione di una mina antiuomo. Il secondo, un padre di famiglia, perde sua figlia durante un bombardamento. La terza, una ragazza appassionata di fotografia, viene rinchiusa in una casa con altre donne e stuprata dai soldati nemici. Sono tre personaggi nati e vissuti in tempi e luoghi diversi che vediamo insieme, in questo non luogo, voci senza tempo di un’umanità che trova il modo di resistere, di combattere. Il ragazzo diventa un medico in un ospedale da campo; il padre diventa un clown in una città martoriata per far ridere i bambini; la ragazza diventa una fotoreporter per denunciare le atrocità della guerra. Le tre storie si fondono, entrano l’una nell’altra, fino ad arrivare al finale in cui i tre personaggi sembrano incontrarsi. E in effetti l’incontro c’è. È l’incontro del pensiero di tutte le persone che hanno, o hanno avuto , il coraggio di alzare la voce, di non scappare, di affrontare con la bellezza di piccoli gesti, gli orrori di ogni guerra.

10-13 Maggio (Site specific)

Produzione Teatro Studio Uno

Teresa Santa, Puttana, Sposa (Capitolo 5)

Di Marco Bilanzone, regia Lorenzo Montanini,

con Flavia Germana De Lipsis , Alessandro Di Somma, Mattia Giordano,  Jessica Granato,  Federico Le Pera, Riccardo Marotta, Giuseppe Mortelliti, Eleonora Turco

 

17-20 Maggio (Sala Teatro)

Amore di donna

Di Jessica Granato, regia Riccardo Marotta

Con Jessica Granato

Maria è una bimba senza sogni, nata a Milano il 29 agosto del 1935. È questo l’inizio di tutto, l’inizio di Maria e del suo amore di donna.  Passa la guerra, e Maria non l’ha vissuta nella tragedia e nella sofferenza anzi, ma adesso è il momento di tornare a Milano e qui riprendere la vita di prima non è troppo facile. Si è fatta grande e ora non fa altro che aiutare la mamma in casa: Maria cuce e pulisce, esce di casa solo con la mamma per fare la spesa o con i fratelli più grandi. Le è proibito avere qualsiasi tipo di relazione con l’altro sesso. È chiusa in casa e come un uccello in gabbia canta, canta tutto il giorno. Fortunatamente ha un amico che le fa compagnia di nome Ciccio, è un cocorito giallo che l’aiuta a passare le giornate. Maria è bella, acqua e sapone, senza mai un filo di trucco. È timida e taciturna, senza pretese nei confronti della vita, in questo momento della sua vita fa quello che le viene detto di fare. Vive nel suo mondo incantato dove solo l’amore è protagonista, lo stesso amore che condannerà il suo dolore: Nunzio. L’unico uomo che lei abbia mai avuto senza sapere il perché. Maria partirà per un altro viaggio, l’ultimo della sua vita, quello per la Calabria, in cui è costretta a sposarsi e il suo sogno dell’amore corrisposto svanisce dopo poco tempo. Avrà cinque gravidanze senza sapere nemmeno come si fa, “Maria si sente vergine anche quando allatta”, e da qui in poi la sua vita si colora di una richiesta d’amore continua che da mamma e da nonna ha ricevuto ma di donna no.

17-20 Maggio (Sala Teatro)

Traviata

Di Francesco Leineri

Con Andrea Cosentino

 

PILLOLE #30 Giugno


AMORE DI DONNA

| di e con Jessica Granato

Maria è una bimba senza sogni, nata a Milano il 29 agosto del 1935. È questo l’inizio di tutto, l’inizio di Maria e del suo amore di donna. -“Maria vieni su, dai! – Ma te ve no che i piè camminen no?!”- Dal Buio della sala una voce registrata pronuncia queste parole, è l’eco di un ricordo della sua prima gioia, Piero il suo fratello più piccolo che l’amava tanto. Ma scoppia la guerra e la famiglia intera è costretta a lasciare Milano e rifugiarsi a Saltrio vivendo all’interno del teatro del paese, la sala della musica la chiamavano. La vita di campagna le permetterà di vivere giornate scandite da latte di capra, caramelle di zucchero, qualche amichetta di scuola e una mamma che non le farà mancare mai nulla. Passa la guerra, e Maria non l’ha vissuta nella tragedia e nella sofferenza anzi, ma adesso è il momento di tornare a Milano e qui riprendere la vita di prima non è troppo facile. Si è fatta grande e ora non fa altro che aiutare la mamma in casa: Maria cuce e pulisce, esce di casa solo con la mamma per fare la spesa o con i fratelli più grandi. Le è proibito avere qualsiasi tipo di relazione con l’altro sesso. È chiusa in casa e come un uccello in gabbia canta, canta tutto il giorno. Fortunatamente ha un amico che le fa compagnia di nome Ciccio, è un cocorito giallo che l’aiuta a passare le giornate. Maria è bella, acqua e sapone, senza mai un filo di trucco. È timida e taciturna, senza pretese nei confronti della vita, in questo momento della sua vita fa quello che le viene detto di fare. Vive nel suo mondo incantato dove solo l’amore è protagonista, lo stesso amore che condannerà il suo dolore: Nunzio. L’unico uomo che lei abbia mai avuto senza sapere il perché. Maria partirà per un altro viaggio, l’ultimo della sua vita, quello per la Calabria, in cui è costretta a sposarsi e il suo sogno dell’amore corrisposto svanisce dopo poco tempo. Avrà cinque gravidanze senza sapere nemmeno come si fa, “Maria si sente vergine anche quando allatta”, e da qui in poi la sua vita si colora di una richiesta d’amore continua che da mamma e da nonna ha ricevuto ma di donna no.


TEMPO MACCHINA

| di Giuliano Tomassacci | con Anna German, Claudio Losavio, Paolo Parnasi, Fabio Gagliardi, Jessica Piccolo Valerani, Ilaria Serantoni| regia Giuliano Tomassacci| scenografia Cristiana Fasano | costumi Susanna Buffa| make up Giulia Stronati| musiche Stefano G. Falcone

Tarnee, una donna sulla cinquantina, effettua un viaggio transcontinentale su insistita richiesta di un giovane e sconosciuto analista, il Dottor Midle. Sebbene ancora diffidente e incapace di comprendere completamente la situazione e i suoi pregressi, dopo una prova inconfutabile prodotta dal dottore Tarnee accetta di sottoporsi ad una serie di sedute di ipnosi per rievocare alcune delle sue vite, passate e future. Un itinerario ancestrale e trasversale sulle ali della sua anima al fine di raggiungere un traguardo che coincide con una partenza: l’anima di un uomo che lei ha amato in una vita passata ha ingaggiato il Dottor Midle per chiedergli di aiutarlo a comprendere cosa non funzionò nella loro relazione sentimentale e a svelare quale ostacolo tutt’ora, vita dopo vita, secolo dopo secolo, impedisce ai due spiriti di liberarsi dalle loro esistenze carnali e di fondersi.


ERA MEGLIO SE FACEVO L’ATTORE

| Virgolatreperiodico | di e con Andrea Onori

L’intenzione è quella di affidarsi alla struttura – allo scheletro – della troppo, troppo solida opera come punto di appoggio per puntare gli occhi altrove. Spostare lo sguardo dalla nebbia che abbiamo davanti e intorno e farlo sedere sul palcoscenico. Sopra vi sono Andrea, attore, e Amleto, aspirante tale. I due si studiano, ma non si riconoscono.  Sanno di avere un problema, forse anche più di uno. Non sanno da dove iniziare e erciò non lo fanno. Aspettano. Il fatto è che la Danimarca oggi non è il luogo ideale per fare progetti. Non tanto per la guerra, ma perché nessuno sembra prendere le cose sul serio. I servi e i padroni non combattono più, anzi vanno a banchetto insieme e si scambiano risate in televisione. Ai meritevoli è detto di farsi da parte, mentre gli assassini e i bugiardi siedono sullo scanno più alto. E chi a fatica riesce a conquistarsi il suo guscio d’uovo lo fa a scapito e danno dell’altro, e passa il tempo a volersi difendere, guardando chiunque si avvicini con sospetto e terrore. Solo a Teatro le cose sembrano andare bene. Per questo tutti vogliono fare gli attori.


NAVICELLA

| di Pier Lorenzo Pisano | con Gianvincenzo Pugliese

Un alieno si affaccia su un pianeta sconosciuto: il nostro.
Cosa vedono occhi nuovi?
E quanto a lungo possono restare immacolati, immersi fino alla gola nel nostro mondo?

MARYSOL Y CIELO

| di Piera Saladino|con Piera Saladino, Emanuela Bitondo, Dario Di Pietro

Marysol y Cielo,è la storia di una donna vivace e malinconica al tempo stesso, che decide di trasferirsi in Spagna grazie all’incontro con un uomo di Madrid. Marysol Y Cielo de NavalLicanteVoltudo, (pluricognome acquisito), è peròancheAssunta Maria Concetta Capuano o Assunta ‘a ballerina: unaragazza napoletana che accantona, dopo una lunga battaglia interiore, i sogni e gli ideali. E’ uno spettacolo che da voce a un personaggio legato alla sua terra, che ne conserva i tratti, le caratteristiche e che prova ad assumere forme diverse, ma la sua sostanza non cambia. I risvolti sociali e psicologici che accompagnano i cambiamenti nella vita della protagonista sono il nodo centrale del testo.


L’UNICA COSA POSSIBILE

| di Iris Basilicata, Eleonora Gusmano | con Iris Basilicata, Eleonora Gusmano | regia Francesco Prudente, Giulia Aleandri

Nella famosa favola di Esopo della cicala e della formica ci viene insegnato che chi nulla fa nulla ottiene e chi compie determinate azioni viene poi ripagato nel giusto modo. Ma quale? Cosa avviene quando l’unica cosa possibile da fare in una situazione di pericolo è un omicidio? Questa la domanda attorno alla quale si intrecciano le vicende dei tre protagonisti di L’unica cosa possibile. Anna e Barbara vivono la loro morbosa relazione tra arte, cibo, pittura, dipendenze, scrittura, l’amore incondizionato per Julian e citazioni artistiche di Giacomo Puccini. Il perfetto quadro di una vita bohémienne che si tingerà sempre più di rosso vede coinvolte due attrici e tre personaggi, cinque entità in tutto in cui lo spettatore può riconoscersi o meno. Pezzi di vita quotidiana, elementi preziosi per la ricostruzione della vicenda sanguinosa, vengono ricostruiti in scene alternate da bui in cui il prima e il dopo vengono fusi in un tempo indefinito. Lo spettacolo si sviluppa in un flusso di coscienza confuso e disperato che ci confessa lucide e complicate verità. Gli incontri, le vicende, attimi di vita quotidiana di Anna, Barbara e Julian si susseguono in uno schema a flusso. I ruoli sono volutamente lasciati indefiniti, i protagonisti perdono la loro identità perdendosi continuamente l’uno nella personalità dell’altro: sono uno, sono tre, sono cinque, per poi tornare a non essere nessuno.

INGRESSO 5€
INFO 349 4356219 – 329 8027943
www.teatrostudiouno.com
info@teatrostudiouno@gmail.com

PILLOLE #1 Luglio

CANTO DELLA ROSA BIANCA

| Indole Teatro | di Maurizio Donadoni | con Gianluca Ariemma, Antonio Bandiera, Nicasio Catanese, Federica Cavallaro, Eleonora De Luca, Maddalena Serratore, Claudia Zàppia

Questa storia narra la nascita di Adolf Hitler fino alla sua ascesa a
Fuhrer svelando curiosità e aneddoti. Lo spettacolo si basa sull’utilizzo di documenti e attraverso il racconto brechtiano si trasforma in un racconto quasi favolistico sull’origine del male. La vicenda si snoda nella Germania degli anni trenta fornendo uno spaccato degli effetti del regime nazionalsocialista sul popolo per approdare alla nascita della Weisse Rose, la Rosa Bianca, il primo movimento studentesco cristiano universitario a Monaco. Non è un finale patetico ma una forte testimonianza di partecipazione civile e politica. Canto della Rosa Bianca è un ode non celebrativa a una delle esperienze più significative di resistenza al nazismo.


WAITING FOR MACBETH |

di e con Maria Grazia Torbidoni

Waiting for Macbèth è uno studio sulla figura di Lady Macbeth. Il suo rapporto con la icenda, il suo punto di vista. Un punto di vista che mette in luce l’ambizione che la contraddistingue, ma soprattutto ciò che dietro quell’ambizione si nasconde, ciò che ne è il motore. La fragilità celata dietro la fredda calcolatrice lucidità, l’insoddisfazione dietro l’amore per il compagno, i capricci infantili dietro l’ambizione, il desiderio di maternità dietro la sete di potere. E la macchia indelebile con cui tutto ha inizio, il peccato originale. Quella macchia che non è il senso di colpa per un omicidio, ma l’impossibilità di raggiungere la propria felicità e di mantenerla. Quella macchia è il fallimento dei desideri. È il perpetuo ricordo del fallimento.


YUKONSTYLE

| BiT Quartet | di Sarah Berthiaume|con Marianna Arbia, Gabriele Paupini, Benedetta Rustici| regia Gabriele Paupini| aiuto regia Francesca Zerilli

Nello spazio immenso e misterioso dello Yukon, regione a nord del Canada, sul confine con l’Alaska, si incontrano le vite solitarie di tre personaggi: Yuko, giapponese in esilio, Garin, meticcio autoctono della zona e Kate, ragazzina canadese che attraversa lo stato in un road trip senza meta vestita alla moda Harajuko. Tre personaggi sradicati, tre outsider che si ritrovano a condividere uno spazio e un tempo che li spingerà a stringere delle relazione gli uni con gli altri e ad appoggiarsi agli altri per superare le proprie paure e trovare una via d’uscita dall’ isolamento in cui si trovano.

RUKELIE |

di Peppe Millanta | con Antonio De Nitto

Il monologo narra la storia del pugile sinti Johann Trollmann, una delle vittime dimenticate del porajmos, il genocidio degli zingari durante la seconda guerra mondiale. Dopo essere stato campione di boxe in Germania, viene sterilizzato e mandato in un campo di sterminio, dove morirà dopo un ultimo incontro di pugilato per la vendetta di un Kapò, riuscendo però ad infondere coraggio e speranza agli altri detenuti sinti che erano con lui.


COSMO LIFE

| di e con Andrea Bonfanti, Irene Buosi, Nicola Piffer

L’evoluzione sulla terra sta procedendo lenta e inesorabile, dall’acqua già alcune specie di pesci si stanno avventurando sulle terre emerse. Qui Qfwfq vive con la sua famiglia, dispersa nei vari continenti, e se non fosse per lo zio Nba Nga i legami con l’acqua si sarebbero interrotti da ormai molto tempo. Lo zio è molto critico nei confronti delle nuove generazioni e non vuole saperne di lasciare l’acqua. Qfwfq si innamora di LLL, nata da uova sulla terra ferma e che non conosce il mondo acquatico. Un giorno Qfwfq porta LLL ad incontrare lo zio Nba Nga. Dopo un primo momento di imbarazzo, LLL rimane affascinata dallo zio, che non smette più di elogiare la vita sott’acqua e la sua integrità. Questo provoca in LLL una serie di interrogativi sul proprio status quo che la fa allontanare da Qfwfq. Dopo vari tentativi di riconquistare la fiducia di LLL, Qfwfq capisce che non c’è più nulla da fare:lo zio Nba Nga e LLL cominciano una relazione nello sconfinato mare,  mentre Qfwfq continua il suo cammino di vita ed evoluzione


IL GIOVANE RICCARDO

| Les Moustaches | di Alberto Fumagalli

“Il giovane Riccardo” è un progetto liberamente tratto dall’opera shakespeariana “Riccardo III” Riccardo, figlio deforme e poco amato dalla propria famiglia, attraverserà la sua giovinezza condannato dalla sua vera natura e dal rifiuto della società.

Scuola, amici, amori, sport, niente riuscirà ad accettare il primo genito della casata degli York. Storpio, timido e inadatto, Riccardo proverà amore, paure, gioie e desideri, come ogni giovane ragazzo. Il continuo e violento rifiuto muterà il carattere di Riccardo. Il suo silenzioso e pacato carisma, la sua mai riconosciuta intelligenza, si muteranno in muta violenza, studiata vendetta e insaziabile ambizione.


L’ULTIMA MADRE

| Nervitesi  | di e con Carla Rizzu

Lo spettacolo è un viaggio in una Sardegna antica ma non troppo, intrisa di tradizioni e  scaramanzie, popolata da comunità spesso solo al femminile. Fra queste, una donna apparentemente come le altre, veniva investita del grave compito di aiutare i moribondi al trapasso.

PILLOLE #2 Luglio

MACBETH PUPPETS SOLO

| Pescatori di Poesia | di e con Simone Fraschetti

Medioevo, Scozia. Al termine di una furiosa battaglia campale, Macbeth e Banquo, generali di Re Duncan, sconfiggono i capi degli eserciti di Irlanda e Norvegia. I due, sulla via del ritorno, incontrano una strega che predice loro il futuro: Macbeth sarà re di Scozia, mentre Banquo sarà capostipite di una stirpe di re.  Macbeth in una lettera ne informa la moglie. La stessa sera, Lady Macbeth escogita un piano per uccidere re Duncan e assicurare il trono di Scozia al marito. Dopo il regicidio Macbeth viene infatti proclamato re. Inizia il regno del terrore dell’usurpatore e di sua moglie. In una spirale di follia Macbeth fa uccidere tutti i suoi possibili nemici, e mentre questi si manifestano all’assassino in forma di incubi, la strega torna con le sue ambigue profezie. Tutto precipita verso l’unico finale possibile. Una domanda resta. Chi è stato il vero artefice della vicenda? Chi è burattinaio che ha mosso sin dall’inizio i fili del Fato?


CIAK!

| The Ghepards | di Francesco Colombo | con Riccardo Marotta, Jessica Granato | regia Riccardo Marotta

Dopo aver perso tutto, Ciak è costretto su una panchina a vivere di elemosine. Trascorre le sue giornate imprecando contro la società crudele, a cui addosso la colpa della sua condizione. La sua unica compagnia è Tommy, il suo fedele cane di pezza. Il rimpianto è attenuato grazie alla fantasia, che permette a Ciak di ornare la sua miseria di lussi e piaceri ormai lontani. Sarà poi l’incontro con la  prostituta, Priscilla,  a rendere più idilliaca la situazione di Ciak e Tommy. Priscilla è alla ricerca di approvazione, di una vita diversa, è alla ricerca di una storia con il “ vissero tutti  felici e contenti”. L’immaginazione di questi personaggi crea così il loro mondo di  verità. Lo stesso Tommy sarà veramente un cane di pezza? O la coscienza di Ciak?


HOTLINE

| Talia’s Machine | di Lady Babushka | con Marta Chiara Amabile, Rossella Fava, Serena Ferraiuolo, Viola Lucio, Zoe Pernici, Chiara Tomei

Marcella, neolaureata in attesa di una proposta di lavoro allettante, si imbatte in Hotline un callcenter erotico  dove le donne sono professioniste della simulazione per far godere chi attende dall’altro capo della cornetta. Scandisce il tempo la legge del profitto, riempie lo spazio una moltitudine di suoni, intorpidisce la volontà l’attesa di un lavoro qualificante,  di un amore ricambiato o di una vita più gratificante. Cercano tutte un’identità nella società imperante dell’alienazione consumistica, o forse solo un posto e allora  Hotline diventa il luogo dove urlare tra un gemito e un sospiro: ” Siamo in attesa , dateci un sogno!”


SUPERFICIE IN R4

| di Federica Gravaglia | con Irene Curto | regia Enrico Maria Carraro Moda

Superficie in R4 nasce con uno scopo chiaro e “impossibile”. Impossibile per i canoni ufficiali di quello che la collettività stabilisce essere possibile – o comprovato – o ufficialmente accettato, quindi normale. L’ impossibile, in questo spazio di ricerca performativa, si veste della necessità di unire più linguaggi artistici ( musica, poesia, performance e video ) invocando e creando un’identità collettiva e personale astratta, espansa. Superficie in R4 è un rito, un inno sonoro dove il ritmo della parola, dell’immagine e del video si uniscono in un armonia che chiama e pretende che l’invisibile si manifesti


OPERA

| di Agnese Petturiti| con Caterina Fiocchetti

Opera è un testo originale liberamente ispirato al saggio “Agnese”, scritto da Harold Garfinkel  nel 1967. Uno tra i primi studi sociologici sul passaggio di genere che, nonostante il tempo, continua a offrire interessanti spunti di riflessione grazie a un’analisi incredibilmente moderna. “Opera” è la storia di una persona imprigionata. Una donna che sta conquistando il suo diritto alla femminilità attraverso una struggente e ossessiva ricostruzione di sé. Nello spazio di un utero immaginario sono nascoste le bugie e le verità di una creatura che è arrivata a manipolare tutti, compresa se stessa, per entrare finalmente nella casella della normalità. “Opera” è una storia d’amore, una tragedia anatomica, un travaglio e poi una nascita. Una lotta folle, piena di umanissime contraddizioni, in cui la società interpreta il ruolo di madre e insieme mostro. Ma dentro il dolore c’è tutto il coraggio di ricongiungersi alla propria identità totale. Per essere felici.
RADIO NOSTALGIA
| di Claudia Balsamo | con Angela Rosa D’Auria, Antonio Torino

 Lei avanza e lui arretra, lui incalza,lei si  trattiene, lui desidera, lei non più e gli stessi ricordi che sono per lui fonte di vita, sono per lei occasione di remissione. Però si amano. Si amano come dimostra la parola “Amore”,pronunciata ormai con troppo  automatismo,parte della sintassi quotidiana. Si amano a tal punto da non guardarsi nemmeno più negli occhi quando lo dicono.Ma essere innamorati ,significa saper aspettare,imparare la pazienza sopra ogni cosa,accettare l’altro per quello che è senza però annullarsi per amore. Un viaggio nei ricordi  quello di Lucienne e Pierre,si,perché avvolte basta una vecchio radio e delle canzoni già ascoltate per tornare ad emozionarsi ,come bambini,come prima.Ricordi che ci hanno strappato una lacrima o un sorriso e proprio in quei ricordi ,ci si ritrova,riconoscendosi come necessità reciproca. Uno spettacolo che decide di far luce con una chiave comica  sui rapporti di coppia,sui problemi che spesso non siamo in grado di affrontare senza farne prima una tragedia ,uno spettacolo che ci fa capire che spesso litigare in amore può essere utile a levare un po’ di polvere accumulatasi e che in realtà “la persona perfetta” non esiste perché noi stessi siamo imperfetti e non si dovrebbe amare qualcuno  per quello che si vorrebbe ma per quello che è.


IL CAPPOTTO

| di e con Oriana Fiumicino | musiche di Roberto Pentassuglia
Il cappotto si ispira alla vera storia di Nicola Azoti segretario della Camera del Lavoro a Baucina, provincia di Palermo, impegnato attivamente per l’applicazione della riforma agraria voluta dall’allora ministro dell’agricoltura Fausto Gullo. Il 21 dicembre 1946, pochi giorni prima del Natale, Nicola Azoti viene assassinato da due mafiosi mentre torna a casa. Il sindacalista morirà il 23 dicembre, avrà dunque due giorni per raccontare alla moglie e alle forze dell’ordine chi gli ha sparato cinque colpi alle spalle. I responsabili dell’omicidio non vengono arrestati subito, avranno infatti tutto il tempo di costruirsi un alibi che gli permetterà di essere assolti al processo. A raccontarci gli ultimi istanti di vita di Nicola è la figlia Antonina, di quattro anni, che da poche ore ha scoperto cosa le porterà in dono la Vecchia Natala, la Befana: un cappottino di lana rosso.
INGRESSO 5€
www.teatrostudiouno.com
INFO 349 4356219 – 329 8027943 | info.teatrostudiouno@gmail.com
PRENOTAZIONI bit.do/prenotastudiouno

THE YELLOW BRICK ROAD|13 Giugno ore 21|Sala Teatro

LocLauren5

Grazie al Festival Inventaria, organizzato da DOVECOMEQUANDO – Compagnia teatrale, debutta finalmente al Teatro Studio Uno The Yellow Brick Road, di Rosalinda Conti, con Giulia Paoletti e la regia di Alessandro Di Marco.

The Yellow Brick Road
Testo segnalato nel 2015 al Premio Fersen per la drammaturgia

Sola sul palco, Lauren racconta diverse versioni della verità a interlocutori attenti e meno attenti, per la maggior parte assenti. Lauren somiglia un po’ a Dorothy, che percorre il sentiero di mattoni gialli in cerca della strada di casa, ma non sa più dov’è la casa e qual è la strada.

Lauren, bellissima, un po’ persa, si muove in uno spazio vuoto e anonimo. Uno spazio che si riempie soltanto delle sue parole, dei suoi pensieri, delle sue azioni spesso sconnesse, delle sue telefonate disperate, dei suoi desideri e delle sue paure. In bilico tra un personaggio nihilista e autodistruttivo del miglior Bret Easton Ellis e la Dorothy del fantastico mondo di Oz, Lauren incontra diversi personaggi, assenti sulla scena ma determinanti nella sua consapevole discesa agli inferi: il proprietario dello strip bar durante un colloquio di lavoro, sua madre, il fidanzato costantemente assente, un pretendente, i clienti del bar ed altri ancora. Dirigere un testo come Yellow brick road è una sfida affascinante, alla quale è difficile sottrarsi. Ho cercato di lavorare con l’attrice partendo da improvvisazioni, prima soltanto fisiche, poi unendo le parole e i pensieri di Lauren, per cercare di ricreare, sulla scena, i diversi interlocutori con i quali lei entra in contatto. Nei brevi intermezzi – pensiero, Lauren chiede a se stessa, come Dorothy e i personaggi del fantastico mondo di Oz, di volta in volta, un cuore, un cervello, il coraggio, l’intelligenza. In sostanza, Lauren, che percepisce la precarietà della sua esistenza intaccata dalla droga e dalla disperazione, cerca dei rimedi per poter sopravvivere ad una vita che, inesorabile, sembra rifiutarla.
Alessandro Di Marco

di Rosalinda Conti
con Giulia Paoletti
regia Alessandro Di Marco
costumi Nicola Civinini
produzione Spotless associazione culturale
si ringraziano BlueStocking e MAGAZZINOGARBATELLA

13 Giugno
Festival Inventaria
Teatro Studio Uno
ore 21
10 Euro Intero
5 Euro Ridotto
Prenotazioni: info.teatrostudiouno@gmail.com
Ingresso riservato ai soci

ISTANTANEA ON BO-WE|9 Giugno|Sala Specchi

ISTANTANEA ON BO-WE

|9 Giugno|Sala Specchi

Maria

ISTANTANEA ON BO-WE

Cast Artistico e Tecnico:

Coreografia, interprete e drammaturgia musicale: Maria Carpaneto

Arie sonore: Camilla Barbarito

video Marco Maccaferri e Andrea Canepari

luci Paolo Casati

una produzione Il Filo di Paglia e Teatro della Contraddizione

progetto vincitore del bando Ex Polis 2016

Note regia:

“Il mio linguaggio, la danza: sperimentare una composizione istantanea con il pubblico, pubblico inteso come parte integrante e necessaria dell’atto creativo, una risposta ad una mia “provocazione” che farà vacillare ogni sicurezza di forma e di azione premeditata. Mettere costantemente in dubbio quello che si sa per essere al servizio della relazione e della risposta.

Un alieno per cercare un contatto, una mano tesa al pubblico complice e demiurgo del nostro destino di artisti, che verrà coinvolto in una atmosfera in cui regna l’arte globale, aprendolo alle contaminazioni con il teatro, il mimo, il clown, il music-hall, la danza, il cinema, il fumetto, le arti visive. Come un “folletto muto” imiterò alcuni personaggi del pubblico, distribuendo bigliettini, mandando messaggi sonori, balli di coppia, sorprese, tenterò di capire e farmi capire… un alieno precipitato sulla terra, nessun confine tra cultura “alta” e “bassa” e finalmente la musica di David Bowie: Space Oddity, Life on Mars, The rise and fall of Ziggy Stardust”

Maria Carpaneto

Bio presentazione:

Maria Carpaneto ha studiato danza negli USA, Francia e Milano, si è diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi. Ha danzato per Ellen Stuart, Adriana Borriello, Paco Decina, Cecilia Gallizia, Hervé Diasnas, Denise Lampard.