TEATRO STUDIO UNO 28-31 Gennaio, “CABALA” di Caterina Gramaglia e “CAPINERA” di Rosy Bonfiglio, 2 Prime assolute da non perdere.

TRILOGIA – 28 GENNAIO-7 FEBBRAIO

TRILOGIA

(CABALA 28-31 Gennaio)(WHITE ROOM/LE LACRIME DI GIULIETTA 4-7 Febbraio)

46e2c576-eb1a-443f-a536-13df87c720c0

C A B A L A

28-31 Gennaio (gio-sab ore 21; dom ore 18)

progetto di Caterina Gramaglia e Rosa Morelli

L’interesse per la Cabala, lo studio, l’approfondimento del suo significato semantico e codici ha portato a motivare l’esplorazione a livello di rappresentazione.

Cabala è l’insieme degli insegnamenti esoterici e mistici propri dell’ebraismo. Durante la residenza si è individuato l’evento storico che ha riscritto la storia della comunità ebraica romana: 16 ottobre 1943,

data del rastrellamento del ghetto.

Attraverso parole Musica e immagini, si animano le Sefirot ( dall’ebraico סְפִירָה “enumerare”) riconoscibili come sfere dell’albero della Cabala. Raphael Volterra, 8 anni è colui che racconta quel giorno.

Progetto di Caterina Gramaglia e Rosa Morelli

con Caterina Gramaglia, Edù Nofri

video: Carolina Ielardi

con la collaborazione di Sycamores T Company

fonica/luci: Martin Emanuel Palma

WHITE ROOM/LE LACRIME DI GIULIETTA

4-7 Febbraio (gio-sab ore 21; dom ore 18)

WHITE ROOM

“Una stanza bianca, una scatola bianca, la scatola bianca della mia mente, dove albergano personaggi. Il tema dello spettacolo è la follia, la follia come creatività, come suono, come immagine. La mia traduzione del mondo, la percezione del mondo nella mia solitudine. In questa solitudine sono come accompagnata da questi personaggi che mi parlano che mi fanno compagnia. In questo contenitore ci sono oltre ai personaggi video, tra il demenziale e la poesia che si versa alla fine nel mondo della strada felliniana.”

LE LACRIME DI GIULIETTA_omaggio a Giulietta Masina

Di e con Caterina Gramaglia chitarra: Ennio Speranza musica di: Caetano Veloso costumi: Gloriana Manfra disegno luci: Paolo Meglio foto: Manuela Giusto Si ringraziano: Iolanda Salvato, Rosa Morelli e Sebastiano Covone

Il 29 marzo del 1993 al Dorothy Chandler Pavilion in Los Angeles, Federico Fellini riceveva l’oscar alla carriera: “…… I Would like to thanks…..let me make only one name of an actress who is also my wife, thank you dear Giulietta and Please stop crying”  ! A poco più di 20 anni dalla morte di Giulietta Masina, ricordando quelle lacrime, “Le Lacrime Giulietta”  spettacolo che nasce come figlio di The White Room vuole ricordare, omaggiare, commuoversi con una delle più grandi attrici scomparse, moglie di un grande poeta visionario del cinema italiano.

Lo spettacolo è un atto unico, un attrice in scena e un musicista. Tra video, musica e parole…..per ricordare la “Charlie Chaplin” italiana.  Una sedia al centro, un leggio pochi oggetti distanti sulla scena, un telo bianco usato per proiettare alcuni filmati sul fondo, un’attrice e un musicista seduto per terra come fosse un artista di strada.  Lo spettacolo Le Lacrime di Giulietta si alterna tra musica reinterpretata e riadattata  e parole raccolte da interviste, film, curiosità….Giulietta come donna come attrice come figlia come moglie…… Lo spettacolo è nato per omaggiare una delle più grandi attrici italiane.

TEATRO STUDIO UNO – Via Carlo della Rocca, 6 – 

info.teatrostudiouno@gmail.com -3494356219/3298027943

Biglietto 1 

 

Spettacolo 10€, Biglietto Trilogia 15€

 

CAPINERA – 28-31 GENNAIO –

Locandina Capinera

 

Dal romanzo di Giovanni Verga

CAPINERA

DI E CON ROSY BONFIGLIO

DAL 28 AL 31 GENNAIO, TEATRO STUDIO UNO, ROMA

Sotto il sole novembrino di un pomeriggio di un anno fa, a bordo di una vecchia e precarissima BMW guidata da una signora adorabile e un po’ matta, con dei compagni di viaggio speciali con cui condividevo una breve e indimenticabile tournée siciliana, il mio amico Matteo Tarasco mi dice “Secondo me dovresti approfondire Verga, sono certo che ti si aprirebbe un mondo…”.

Prendo quelle parole e le metto in tasca: intuisco immediatamente che sarebbero state molto più preziose di un semplice consiglio.

Pochi giorni dopo ritorno a casa. Tappa immediata Feltrinelli: compro “Storia di una capinera.

Inizio a leggerlo e lo divoro in poche ore. Ho le lacrime agli occhi, il cuore gonfio. Penso che Matteo aveva ragione, che anche a me, proprio come alla Maria del romanzo, un immenso orizzonte si sta schiudendo dinanzi.

Comprendo da subito che quelle pagine raccontano molto di più di una semplice storia di amore mancato e monacazione forzata, sento forte e chiaro che dentro di me stanno incidendo un taglio destinato a farsi voragine.

Ed è lì, dentro quella voragine scavata giorno dopo giorno dall’inesauribile lettura e rilettura, che ho trovato l’urgenza, la necessità profonda di mettere in scena questo testo, e di farne un piccolo manifesto di libertà, con cui battezzare l’inizio di un mio percorso indipendente di ricerca artistica.

 C’era una volta…

una fanciulla condannata alla monacazione da un destino familiare sfortunato. Non ancora compiuti i voti, durante l’epidemia di colèra che colpisce Catania alla fine del 1800, la giovane Maria torna temporaneamente in campagna, dalla sua famiglia: pochi mesi per scoprire cosa ci sia oltre i muri claustrali del convento, per affondare completamente nella natura con tutte le sue forme di vita, per animarsi del calore umano di affetti familiari, per prendere coscienza dell’impeto vitale di tutte le cose del mondo e della bellezza di goderne in piena libertà, come padroni assoluti del proprio tempo e del suo prezioso impiego. Pochi mesi per conoscere dolorosamente l’amore per un uomo, esplosione assoluta di impulsi sconosciuti e ingestibili per una piccola anima fragile e digiuna di esperienze, lacerata e annientata dalla potenza di quanto si configura come un desiderio sbagliato e proibito, un cancro, una orribile malattia che la porterà alla morte, una volta rientrata in convento. Mentre il colèra cessa di infierire su Catania, il morbo invincibile dell’”amore-vita” trascina la piccola capinera in una caduta libera verso la pazzia.Come una tragica Cenerentola, Maria sconta i soprusi di una matrigna gelida e indifferente, le debolezze di un padre troppo devoto alla moglie, le angherie di un destino che non perdona la libertà, piuttosto la condanna.

 

Io sono meno di una donna, io sono una povera monaca, un cuore meschino per tutto ciò che oltrepassa i limiti del chiostro, e l’immensità di quest’orizzonte che le si schiude improvvisamente dinanzi l’acceca…”.

 

E’ tra queste righe che mi è apparso magicamente il cuore pulsante di una storia tanto commovente e apparentemente fuori tempo, eppure a mio avviso estremamente attuale, se non addirittura archetipica.

Decontestualizzata dalla tematica religiosa e dalla collocazione spazio-temporale verghiane, Maria incarna perfettamente un conflitto da tipica eroina tragica, pagando con la vita il prezzo della dolorosa scoperta del senso critico, inteso come coscienza, sguardo personale sulla realtà.

Quale realtà? Quella che “le si schiude improvvisamente dinanzi” non appena, temporaneamente sciolta dalla clausura del convento, comprende la prodigiosa possibilità di essere libera: libera di apprezzare le gioie della vita, degli affetti, del creato, libera di fantasticare, sognare, amare, nutrire speranze, desideri, libera di comprendere cosa sia giusto o sbagliato, sgretolando – fino ad abbatterlo irrimediabilmente – un muro opprimente di convinzioni imposte dalla morale comune.

Come un piccolo Edipo al femminile, Maria si mette in viaggio, seppur inconsapevolmente, alla ricerca della propria verità, scontrandosi con l’inevitabile dualità dei sentimenti umani e con la difficoltà di appropriarsi di una giovinezza fino a quel momento castrata e mortificata.

“Vorrei essere bella come quello che sento dentro di me”.

Maria riconosce la nobile purezza della “mostruosità” che il mondo le incrimina, ma è drammaticamente imprigionata nella propria irreversibile condizione.

Uno sconfinato panorama le si è spalancato alla vista, ma le viene brutalmente negato il diritto di spiccare il volo, cosicché, nell’impossibilità di richiudere le metaforiche imposte di quella finestra, l’inevitabile destino a cui è condannata è l’abisso della follia prima, della morte poi.

Verga ci consegna col suo romanzo un“cofanetto” delle lettere in cui Maria sigillava i propri pensieri, una sorta di “testamento emotivo” che questa messinscena traduce in un eterno ritorno del ricordo nelle parole, un passato che si srotola senza spazio e senza tempo fino a farsi delirio, all’interno di un presente metafisico in cui quanto è avvenuto, come diceLa Madre dei “Sei personaggi in cerca d’autore” di Pirandello,“Avviene ora! Avviene sempre!”.

Una piccola Maria credo nasca continuamente in ognuno di noi, ogniqualvolta intraprendiamo il viaggio verso un nuovo “Accecamento” da cui lasciarci sorprendere, consapevoli che da certe rive della coscienza, dolorosamente ma anche fortunatamente, non si fa ritorno.

Rosy Bonfiglio

Teatro Studio Uno Via Carlo Della Rocca, 6 (TORPIGNATTARA)

PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1
INFO: 349 4356219 – 329 8027943 . info.teatrostudiouno@gmail.com

Ingresso 10€ – Tessera Associativa Gratuita

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...