4-7 Dicembre -Turco/Liveri “EXERESI” – TNT Produzioni “Cronaca di una crisi annunciata”

4-7 Dicembre -Sala Teatro-

 

“EXERESI”

EXERESI LOCANDINA

 

con Chiara Condrò e Elisa Turco Liveri

Affinità e divergenze tra Sant’Agata e Angiolina Jolie, tra passione religiosa e nemesi medica. 

Due figure femminili al limite dello stereotipo, una santa cristiana e una divinità hollywodiana, una vergine e una (ex) bomba sexy (Tomb Raider) il cui punto in comune è la mastectomia. Se la prima, nel III secolo d.C., fu torturata per estrema fedeltà a Dio fino a che Quinziano – il proconsole romano che di lei si era follemente invaghito – al colmo del furore le fece strappare o tagliare i seni con enormi tenaglie, la seconda ha scelto volontariamente di farsi asportare entrambi i seni per prevenire un’alta probabilità di tumore al seno. Il punto che le accomuna è il sacrificio. Una è martire della fede, icona amatissima della dedizione. Totale alla figura di Cristo, l’altra, “divina” in quanto attrice, è diventata una sorta di martire della prevenzione.

GIO-SAB ORE 21 / DOM ORE 18

INGRESSO 10 €

TEATRO STUDIO UNO, VIA CARLO DELLA ROCCA, 6

 INFO: info.teatrostudiouno@gmail.com

349 4356219 – 328 3546847 – 329 8027943

4-7 Dicembre -Sala Specchi-

“CRONACA DI UNA CRISI ANNUNCIATA”

locandina StudioUno

 

VINCITORE del premio della critica al Teatro dei Contrari
VINCITORE del premio Talenti Under 35 sulla via Emilia
VINCITORE del Premio dei Giornalisti al concorso Nuove Realtà del Teatro

 

«Nel giorno del giudizio, di fronte al Tribunale Supremo della Storia, qualcuno dovrà

spiegare perché, nel nostro tempo, le risorse destinate a inondare incessantemente il

mercato di nuove generazioni di gadget siano state negate alla cura dell’ambiente,

alla sicurezza delle infrastrutture, alla protezione del territorio, alla promozione della

cultura.»

« L’arte del teatro raggiunge il suo più alto significato nel momento in cui riesce a

raccogliere e unire.»

Jean Vilar

Dice un aforisma: se ci scambiamo un dollaro, ciascuno di noi, alla fine dello

scambio, resta con un dollaro in mano. Se ci scambiamo un’idea, ciascuno di noi, alla

fine dello scambio, dispone di due idee.

Si dice con leggerezza che tutte le crisi prima o poi finiscono, salvo poi ammettere,

con altrettanta leggerezza, che ve ne saranno sempre di nuove. Ma le crisi non sono

affatto un inevitabile ”effetto collaterale” della finanza. Piuttosto, sono la prova di un

difetto costitutivo dell’attuale configurazione della finanza di mercato.

Tutto questo è frutto di precise scelte politiche e le scelte politiche dovrebbero essere

frutto di una rappresentanza democratica.

Nella società’ contemporanea, assuefatta a miliardi di informazioni sovrapposte, pare

sempre più lontano il reale vertice decisionale che influenza il nostro quotidiano e la

cosa sconvolgente è che maggiore è la distanza dal vertice minori sembrano le

preoccupazioni per le scelte che vengono fatte.

Parafrasando il premio Nobel per l’economia Milton Friedman si potrebbe dire che:

“Non era facile assoggettare la politica al mercato, ma la crisi rende il politicamente

impossibile politicamente inevitabile”.

Cronaca di una crisi annunciata è un concerto, un live-set per voce, piano e

orchestra, è una cronistoria appassionata dello sviluppo del pensiero economico

e delle sue principali manifestazioni dagli anni ’60 fino all’Europa di

domani. Attraverso una drammaturgia ad alto tasso di intrattenimento, sul modello

del canovaccio della commedia dell’arte costruita in mesi di prove pubbliche, si corre

dall’origine dell’Euro, all’analisi e lo sviluppo del pensiero liberista in Europa e nel

mondo, dall’osservazione della curiosa compresenza di certe persone all’interno dei

più influenti think tank, allo studio e spiegazione dei più efficaci sistemi per

controllare le scelte politiche di un paese. Nel constatare attraverso gli ultimi

accadimenti politici che ogni cosa fatta è stata presentata come necessaria ed

inevitabile abbiamo fatto alcune ricerche che ci permettessero di verificare se

non ci fosse realmente un’altra via percorribile. Questo spettacolo è frutto di

quelle ricerche.

Credits:

Testo e regia: Tiziano Turci

Aiuto regia: Rossella Teramano

Con:

Tiziano Turci – piano e voce

Rossella Teramano – voce

Giulio Maschio – batteria

Ennio Maltese – basso

Francesco Provenzano – chitarra

Armando Barni  – sax contralto

Scene: Matteo Di Genova

Luci: Domenico Capanna

Grafica e video: Davide Cremonini

 

GIO-SAB ORE 21 / DOM ORE 18

INGRESSO 10 €

TEATRO STUDIO UNO, VIA CARLO DELLA ROCCA, 6

 INFO: info.teatrostudiouno@gmail.com

349 4356219 – 328 3546847 – 329 8027943

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...